Cocaina consegnata a domicilio: tre arresti a Cagliari

Il colonnello Michele Lastella e il colonnello Michele Tamponi

Operazione dei carabinieri che contestualmente hanno anche operato sequestri di beni delle persone finite in carcere

AGLIARI. Spaccio di cocaina su scala industriale per la “Cagliari bene” e riciclaggio di denaro per un giro complessivo d’affari di oltre mezzo milione di euro, scoperto e stroncato dai carabinieri del nucleo investigativo e del reparto operativo del comando provinciale fra il capoluogo e l’hinterland. Un mercato davvero fiorente visto che consentiva alle tre persone coinvolte e arrestate un alto tenore di vita, con investimenti di denaro di illecita provenienza in vari settori commerciali e finanziari. In carcere a Uta sono finiti i fratelli Danilo e Simone Spiga, di 30 e 23 anni, abitanti a Elmas, mentre la fidanzata del primo, Erika Valentini, 27enne di Sinnai, è agli arresti domiciliari. Denuncia per favoreggiamento anche a carico del padre 62enne dei due giovani, titolare di un punto vendita nel mercato civico di Elmas.

L’attività investigativa, diretta dal tenente colonnello Michele Lastella, comandante il nucleo investigativo, illustrata dallo stesso ufficiale e dal collega parigrado Michele Tamponi, comandante il Reparto operativo provinciale, ha impegnato i carabinieri per diverso tempo e ha permesso loro sia di accertare innumerevoli episodi di spaccio, sia di ricostruire dettagliatamente il patrimonio costruito dagli indagati con lo spaccio di cocaina a persone della Cagliari bene, soprattutto professionisti fra i 30 e 45 anni. I tre avevano messo su un vero impero grazie al loro giro d’affari di decine di migliaia di euro al mese. Auto di lusso, capi abbigliamento e accessori rigorosamente griffati, profumi pregiatissimi, un autolavaggio, una rivendita di auto, palestre sportive attrezzate e mai usate ma con l’attrezzatura pronta per essere rivenduta con il riciclo del denaro proveniente dallo spaccio. Spaccio che avveniva effettuato dai tre arrestati con consegna a domicilio o in luoghi concordati del centro città. Gli uomini del nucleo investigativo del tenente colonnello Lastella hanno documentato con filmati ben 302 consegne.

Gli arresti dei due fratelli Spiga e di Erika Valentini sono stati effettuati questa mattina a Elmas per Simone e a Sinnai per Danilo e la fidanzata, in casa di lei dove la coppia abitava. Sequestrati nella circostanza quasi tre etti di cocaina, 70 mila euro in contanti, dieci conti correnti bancari intestati ai tre, decine di borsette di note griffe internazionali, orologi di marca, abiti con vari marchi di prestigio un telo da spiaggia "firmato" pagato 430 euro e regalato da Danilo alla fidanzata Erika, vacanze di lusso e cene luculliane in ristoranti esclusivi della città. Sequestrati anche l’autolavaggio, la palestra in via Macchiavelli a Cagliari, l’autosalone e diverse autovetture costosissime.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes