Giovani e sport: cosa cambia con la nuova legge

Tutto quello che c'è da sapere sulla manovra 2020. Un dossier a puntate con le informazioni pratiche per affrontare l'anno

BONUS CULTURA PER I DICIOTTENNI

Confermato il bonus cultura per chi nel 2020 compie 18 anni: l’ipotesi però è di passare da 500 a 300 euro, per l’applicazione dovranno essere redatte le disposizioni attuative

CARTA GIOVANI

Viene istituita la “Carta giovani nazionale” (CGN) per promuovere l’accesso ai beni e ai servizi ai cittadini italiani ed europei residenti in Italia, di età compresa tra 18 e 35 anni. Avrà una dotazione di 5 milioni di euro per ogni anno fino al 2022

BOLLETTE DI LUCE E GAS

Slitta dal 1° luglio 2020 al 1° gennaio 2022 la liberalizzazione completa del mercato di luce e gas. Per le bollette si può ancora scegliere il regime di maggior tutela

CLASS ACTION

Slitta a ottobre 2020 il via alle norme sulla class action che prevedono la possibilità per il cittadino di poter partecipare direttamente al processo civile telematico

PIÙ FONDI PER LA DISABILITÀ

Cresce la dotazione dei fondi destinati alle scuole con alunni disabili (aumento di 12,5 milioni), quelli per le autosufficienze (50 milioni) e quelli per il diritto al lavoro dei disabili (5 milioni)

STIPENDIO DEI SINDACI 

Per i sindaci che amministrano Comuni con meno di 3.000 abitanti possibile un’indennità fino a 1.400 euro al mese

LEZIONI DI MUSICA

Detraibili al 19% - per un importo non superiore a 1.000 euro - le spese sostenute per l’iscrizione annuale e l’abbonamento di studenti di età compresa tra i 5 e 18 anni a corsi di musica (possibilità riservata ai nuclei familiari con reddito non superiore a 36.000 euro), purché tenuti da conservatori, istituzioni legalmente riconosciute e scuole di musica iscritte nei registri regionali o riconosciute da una pubblica amministrazione.

LE ATLETE DIVENTANO PROFESSIONISTE

La manovra equipara le donne ai colleghi uomini, estendendo le tutele previste dalla legge sulle prestazioni di lavoro sportivo. Per promuovere il professionismo nello sport femminile viene introdotto un esonero contributivo al 100% per tre anni per le società sportive femminili che stipulano con le atlete contratti di lavoro sportivo

DETRAZIONI SOCIETÀ SPORTIVE

La detrazione piena dal 2020 spetterà solo a chi ha un reddito fino a 120.000 euro annui. Sopra questa cifra l’agevolazione si riduce fino a scomparire a quota 240.000 euro. Tra le eccezioni, le erogazioni liberali a società sportive dilettantistiche fino a 1.500 euro