Covid: sindaco Codogno, come meteorite sulla testa

'Vinciamo virus in memoria di chi ha perso questa battaglia''

(ANSA) - CODOGNO, 20 FEB - "E' come se fosse caduto un meteorite sulle nostre teste". Così Francesco Passerini, sindaco di Codogno (Lodi), ricorda all'ANSA i primi attimi subito dopo aver saputo che nell'ospedale della cittadina lodigiana era stato scoperto il primo paziente contagiato da coronavirus in Italia.

"All'inizio speravo anche inconsciamente che tutto fosse circoscritto - ha detto - senza poter immaginare che da quel momento sarebbe cambiato tutto. Era una situazione strana, quasi incomprensibile, ma che aveva tutte le caratteristiche per pensare a qualcosa di grave, cosa che mi ha portato a chiudere subito la mia città per tutelare la nostra comunità".

"Adesso fortunatamente sappiamo di più sul virus e sappiamo che si può vincere e abbiamo anche un'arma in più che è il vaccino. Vogliamo vincerlo nella memoria di chi ha perso questa battaglia", ha concluso. (ANSA).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes