Giordania,Hamzah ha attentato a sicurezza e distorto i fatti

Vicepremier, con la complicità di altri

(ANSA) - TEL AVIV, 04 APR - "Il principe Hamzah e gli altri hanno portato minacce alla sicurezza e alla stabilità". Lo ha detto - citato dalla Petra - il vice primo ministro giordano al Safadi sugli arresti avvenuti ieri nel regno hashemita.

"I servizi di sicurezza - ha continuato al Safadi - hanno monitorato una persona con collegamenti a servizi di sicurezza stranieri che comunicavano con la moglie del principe Hamzah".

Al tempo stesso - ha aggiunto nella dichiarazione ufficiale - "le offrivano immediatamente un aereo per lasciare la Giordania per un paese straniero".

Al-Safadi ha anche attaccato i video diffusi dal principe Hamzah accusandolo di aver "distorto i fatti, invocando simpatia locale e straniera". "Le persone attorno al principe Hamzah - ha poi aggiunto - comunicavano con entità che definivano se stesse 'opposizione esterna'". "Le indagini hanno messo in luce contatti con entità straniere", ha detto ancora al- Safadi aggiungendo che "tutte le azioni, le mosse contenute, sono state stroncate sul nascere".

"I servizi di sicurezza - ha continuato il vice premier citato dalla Petra - hanno raccomandato a re Abdallah II di deferire tali attività al Tribunale per la sicurezza dello Stato. Il re ha preferito iniziare la conversazione con il principe Hamzah in un contesto ristretto". (ANSA).

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes