Covid, morti in ospedale a Sassari: il pm chiede il processo per 3 dirigenti sanitari

Prima udienza, parti civili anche due medici infettati nel reparto di Cardiologia

SASSARI. Prima udienza questa mattina 6 luglio davanti al gup del Tribunale di Sassari, Antonello Spano, chiamato a decidere sulle richieste di rinvio a giudizio per le 11 morti e le decine di contagi da Covid 19 avvenute nel marzo 2020 nel reparto di Cardiologia dell'ospedale cittadino Santissima Annunziata. Il pm Paolo Piras, per quei fatti, ha sollecitato il processo nei confronti di Fiorenzo Delogu, all'epoca coordinatore dell'Unità di crisi locale dell'Area socio sanitaria di Sassari e direttore dell'Ufficio di Igiene e sanità pubblica, Bruno Contu, allora direttore sanitario dell'Aou di Sassari, e Giorgio Steri, ex commissario straordinario dell'Ats Sardegna, tutti accusati di epidemia colposa e omicidio colposo.

Il gup ha ammesso come parti civili i familiari delle vittime e anche due medici del reparto di Cardiologia che hanno contratto il virus Sars Cov 2 sul posto di lavoro. Costituzione questa contestata dagli avvocati della difesa, Nicola Satta, Guido Manca Bitti e Silvio Piras, secondo i quali il reato di epidemia colposa è contro la comunità e non contro singoli. Il giudice Antonello Spano ha invece ammesso anche i due medici fra le parti civili, ritenendo valida la richiesta presentata dall'avvocato Francesco Porcu.

Le stesse parti civili hanno poi chiesto la citazione a giudizio per la responsabilità civile delle due aziende sanitarie Aou di Sassari e Ats e delle loro compagnie assicuratrici. L'udienza per l'emissione del decreto è stata fissata per il 5 ottobre 2021. (Ansa).

 

WsStaticBoxes WsStaticBoxes