Attivisti uccisi, piazza a Baghdad chiede giustizia

Manifestazione nella capitale per 'la fine dell'impunità'

(ANSA) - BAGHDAD, 18 LUG - Diverse centinaia di persone hanno manifestato oggi a Baghdad per chiedere "la fine dell'impunità" in Iraq, dove decine di oppositori e attivisti sono stati uccisi o rapiti dalla rivolta popolare dell'ottobre 2019.

Sventolando bandiere irachene e portando ritratti di "martiri" assassinati, i manifestanti, tra cui molti studenti che avevano partecipato alla rivolta del 2019, hanno marciato attraverso il centro della capitale sotto una forte sorveglianza della polizia.

"No ai partiti! No alle milizie!", hanno gridato prima di ascoltare canzoni e di leggere una poesia di una delle attiviste più emblematiche del 2019, la giovane artista Safaa Saray, uccisa dopo essere stata colpita alla testa da una granata lacrimogena in Piazza Tahrir, epicentro della protesta a Baghdad.

Dopo la rivolta, repressa nel sangue (600 morti, decine di migliaia di feriti), molti militanti sono fuggiti dall'Iraq o si sono rifugiati nel Kurdistan iracheno autonomo, nel nord del Paese, per paura di rappresaglie.

Le uccisioni e i rapimenti di attivisti non sono mai stati rivendicati, ma i manifestanti puntano il dito contro le potenti milizie filo-iraniane, e sono indignati per il fatto che nessuno sia mai stato chiamato a rispondere di questi crimini. (ANSA).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes