Covid: Spagna, in aumento pressione sulle terapie intensive

L'occupazione dei contagiati sale dal 9,2% al 13,5% in 7 giorni

(ANSA) - MADRID, 22 LUG - Il tasso di occupazione delle terapie intensive da parte di pazienti Covid in Spagna è passato in una settimana dal 9,18% al 13,52%, mentre quello nei reparti generici dal 3,91% al 6,37%: lo si apprende dai dati aggiornati del Ministero della Sanità, mentre continua la quinta grande ondata di contagi nel Paese iberico. Il cui impatto sul sistema ospedaliero si sta facendo notare in modo sempre più consistente, anche se attenuato dalla copertura vaccinale. L'8 luglio, ovvero due settimane fa, i tassi erano, rispettivamente, del 6,64% e del 2,42%. Il ritmo di trasmissione del virus pare tuttavia in fase di lieve rallentamento; tuttavia la situazione è variabile a seconda della regione. In Catalogna, per esempio, i contagi sono in fase di discesa, mentre l'occupazione delle terapie intensive sfiora il 40%. A Madrid, invece, i contagi sono ancora in fase ascendente, mentre l'occupazione delle terapie intensive è del 13,18%.

L'incidenza media nazionale dei casi registrati negli ultimi 14 giorni è di 659 ogni 100.000 abitanti. Il tasso di positività è salito rispetto a ieri dal15,64% al 15,81%. Una settimana fa era del 13,70%. (ANSA).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes