Villa acquistata da Solinas al centro di un'inchiesta. Il governatore: "Io sempre trasparente"

Nessuna ipotesi di reato e nessun indagato per l'acquisizione fatta a Cagliari. Il presidente della Regione replica su Facebook: "Caso mediatico creato su ricostruzioni parziali e strumentali"

CAGLIARI. La villa da 543 metri quadrati di coperto acquistata a Cagliari per un milione e centomila euro dal presidente della Regione Christian Solinas è al centro di un’inchiesta che il procuratore capo facente funzioni Paolo De Angelis ha affidato due mesi fa alla sostituta Maria Virginia Boi.

Nessuna ipotesi di reato e nessun indagato: il fascicolo è iscritto al modello 45 ed è la conseguenza inevitabile di una serie di esposti anonimi arrivati all’ufficio del procuratore in cui la vicenda della compravendita dell’immobile viene illustrata con una serie di documenti. A fianco della villa, nell’area del giardino in cui i precedenti proprietari avevano fatto realizzare una grande piscina, è in fase di costruzione una palazzina di quattro piani con vista sullo stagno di Molentargius e sul mare del Poetto che non apparterrebbe a Solinas.

La Procura intende verificare la legittimità paesaggistica dell’intervento edilizio e i vari passaggi finanziari che hanno preceduto l’acquisto della villa e la supposta cessione dell’area destinata alla palazzina da parte .

La replica del presidente della Regione è stata affidata a un post su Facebook. "Sono a completa disposizione per chiarire ogni aspetto delle mie attività, che pur attenendo alla mia personale sfera privata sono sempre state caratterizzate da legittimità e trasparenza. Si tratta di un caso mediatico fondato su ricostruzioni parziali e strumentali, su allusioni e accostamenti suggestivi, su gravi omissioni che orientano una lettura fuorviante".

"Si pone invece con forza l'interrogativo su come elementi attinenti ad un fascicolo riservato possano essere nelle mani di più persone - osserva il presidente - Non può certo sfuggire che vi sia un insieme di esposti anonimi, inspiegabilmente conosciuti ad alcuni giornali e blogger, con pubblicisti che si citano a vicenda per avvalorare le proprie tesi, tutte coordinate ad un frontale attacco politico nei miei confronti".

Rispetto ai singoli fatti, che nei giorni scorsi sono stati oggetto di vari articoli sul Fatto Quotidiano - citato peraltro dal governatore - Solinas spiega che l'acquisto della villa a Cagliari è stata realizzata "con un atto pubblico, stipulando il contratto preliminare e poi l'atto definitivo davanti al notaio, sempre alla luce del sole, dando un acconto con i miei risparmi ed accendendo un mutuo di 30 anni, garantito da ipoteca a favore della Banca pari al doppio del valore. Non è di mia proprietà invece e non ho alcuna relazione con il lotto confinante, sul quale è in corso la costruzione di altro immobile da parte di un privato imprenditore. Pertanto, la circostanza dell'edificazione allusivamente legata alla mia persona è clamorosamente falsa.

Servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

WsStaticBoxes WsStaticBoxes