La Nuova Sardegna

Economia

Ecco il Fisco amico: rate in 10 anni per debiti superiori a 120mila euro

di Antonella Scutiero
Ecco il Fisco amico: rate in 10 anni per debiti superiori a 120mila euro

Riforma del Governo, dal 2025 cancellate le cartelle non riscosse dopo 5 anni

12 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Roma Un fisco "amico" che dà la possibilità di «poter pagare, tutto, ma in tempi congrui». È uno dei due pilastri della riforma della riscossione, contenuta in un decreto legislativo approvato dal Consiglio dei ministri. L'altro è la razionalizzazione del sistema, a partire dal fare pulizia nel magazzino che ammonta, dato al 31 dicembre 2023, a più di 1.200 miliardi, una mole abnorme che si perde negli anni e che spesso si riferisce a persone ormai defunte, o nullatenenti, o per vari motivi non reperibili.

Il contribuente che dichiara di trovarsi «in temporanea situazione di obiettiva difficoltà», si legge nella bozza, può chiedere all'Agenzia delle entrate-Riscossione la dilazione dei propri debiti fino a 120mila euro fino a dieci anni. Gradualmente infatti si passa dalle attuali 72 rate a 84 per le richieste presentate nel 2025 e 2026, 96 nel 2027 e 2028, 108 nel 2029 e 2030 e dal 2031, si valuterà la possibilità di concedere 120 rate mensili. Per chi ha un debito superiore a 120mila euro, documentando la temporanea situazione di obiettiva difficoltà, verrà concesso fino ad un massimo di centoventi rate mensili, indipendentemente dalla data di presentazione della richiesta.

L'esecutivo, assicura il viceministro dell’Economia Maurizio Leo, «continuerà a lottare contro i furbetti, mentre c'è tutta la volontà di aiutare chi vuole pagare ma è impossibilitato a saldare per intero il proprio debito con il fisco». Per quanto riguarda l'efficientamento della riscossione, dal primo gennaio 2025 l’Agenzia delle entrate dovrà procedere con la notifica della cartella di pagamento entro 9 mesi dall’affidamento del carico e tentare di notificare gli atti interruttivi della prescrizione del credito entro gli stessi termini. Inoltre, le cartelle notificate dal primo gennaio 2025 e non riscosse decorsi 5 anni successivi potranno essere automaticamente cancellate dal magazzino. Non saranno però cancellate, assicurano dal governo: l'ente creditore potrà mettere in campo tre differenti soluzioni.

Gestire in proprio la riscossione coattiva delle somme discaricate; affidarla in concessione a soggetti privati mediante gara pubblica; riaffidarla all'AdER (Agenzia entrate e riscossione) per 2 anni nel caso in cui l’'ente creditore venga a conoscenza di nuovi e significati elementi reddituali del debitore. Per i carichi affidati alla riscossione negli anni precedenti fino al 2000, sarà una Commissione presieduta da un magistrato della Corte dei Conti che dovrà proporre soluzione legislative per il magazzino della riscossione. Via libera dal Cdm anche a un decreto sui giochi online «per mettere ordine al settore», spiega Leo. Di fatto viene aumentato il valore delle concessioni da assegnare, dicono dal governo, portandole ai corretti livelli di mercato.

L'operazione prevede che con le nuove gare i concessionari per operare in Italia dovranno pagare tre canoni: un’ “una tantum” che passa dai precedenti 250mila euro a 7 milioni di euro, una fee annuale pari al 3% dei ricavi netti di ciascuno e un'altra pari allo 0,2% dei ricavi netti dei concessionari per campagne informative per il contrasto alla ludopatia.

In Primo Piano
Incidente

Scontro fra auto in galleria sulla Nuoro-Lanusei: due feriti gravi

Le nostre iniziative