La Nuova Sardegna

Andria

Accoltellata a morte dal marito davanti ai figli


	Vincenza Angrisano
Vincenza Angrisano

Aa dare l’allarme è stato lo stesso Luigi Leonetti che, dopo aver infierito sulla moglie, ha freddamente preso in mano il telefono e composto il 118

29 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





ANDRIA. Accoltellata a morte dal marito tra le mura di casa. È morta così Vincenza Angrisano, 42 anni, nella sua abitazione di Andria colpita prima al torace e poi all’addome da Luigi Leonetti al culmine di una lite.

Un femminicidio che si è consumato sotto gli occhi terrorizzati di uno dei due figli, rispettivamente di 6 e 11 anni. Il delitto è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri, a dare l’allarme è stato lo stesso Luigi Leonetti che, dopo aver infierito sulla moglie, ha freddamente preso in mano il telefono e composto il 118. «Ho accoltellato mia moglie, mandate un’ambulanza» ha detto all’operatore che gelato da quanto stava ascoltando, ha sentito anche in sottofondo le urla e i pianti dei due bambini che chiamavano inutilmente la mamma, sperando che desse un segno di vita. All'arrivo dei sanitari per Vincenza non c'era più nulla da fare.

Sul posto è intervenuta anche una psicologa del Centro del Trauma dell'Asl Bat per la gestione dei figli, oltre che le forze dell'ordine, polizia e carabinieri, che hanno preso in custodia Leonetti. Vincenza Angrisano aveva 42 anni e lavorava nelle vendite di prodotti per la casa. Suo marito, Luigi Leonetti, era invece guardiano nel rimessaggio a tre chilometri dal centro cittadino. La notizia ha fatto rapidamente il giro del quartiere, pochi giorni dopo le iniziative per la giornata contro la violenza sulle donne.

Un tema al quale la stessa Vincenza, come dimostrano i suoi post su Facebook, era particolarmente sensibile. Qualche giorno fa Vincenza postava sulla sua pagina Facebook le condivisioni contro la violenza sulle donne, e solo l'altro ieri quel bellissimo monologo di Paola Cortellesi che racconta come la condanna delle donne stia anche nel vocabolario di italiano. Sempre dal suo profilo Facebook si vede che Vincenza appariva come una donna felice e soddisfatta del suo lavoro di rappresentante, fiera di essere una donna indipendente, una mamma presente e amorevole (tra i suoi ultimi post quello delle mille capacità di una donna, rispetto a quelle di un uomo).
 

Elezioni regionali 2024
Il voto

Elezioni regionali, i dati sull’affluenza alle 12: 18,4 per cento

Le nostre iniziative