Le opere di Antonio Secci in mostra a Vienna

DORGALI. Gli squarci di Antonio Secci sbarcano in Austria dove saranno esposti fino alla fine del mese di gennaio. L’opening della mostra che ha per titolo, “Synthesen – sintesi” è in programma per...

DORGALI. Gli squarci di Antonio Secci sbarcano in Austria dove saranno esposti fino alla fine del mese di gennaio. L’opening della mostra che ha per titolo, “Synthesen – sintesi” è in programma per la sera del 14 gennaio nella città di Vienna.

Il vernissage al quale sarà presente anche l’artista dorgalese, si terrà nell’auditorium del prestigioso Palais Sternberg, presso l’Istituto Italiano, di Cultura. L’appuntamento rientra nel quadro delle iniziative e scambi culturali che l’artista dorgalese ha intrapreso con diversi di fama internazionale negli ultimi anni.

Per Secci che sta vivendo una seconda giovinezza artisticamente, l’invito a Vienna è l’ennesimo prestigioso riconoscimento dopo le ultime brillanti esperienze a livello europeo e nazionale, ma anche nell’isola, in Costa Smeralda, al Museo Man di Nuoro e negli spazi espositivi dell’Acquario di Cala Gonone.

Sessantasei anni, dal 1967 Antonio Secci studia a Milano, alla Scuola degli Artefici di Brera, dove conosce Gianni Dova, Lucio Fontana e Roberto Crippa. Roberto Crippa diventa maestro e mentore di Antonio Secci, fino al 1972, quando muore tragicamente in un incidente col suo aereo da turismo.Durante questo periodo Secci fa diversi viaggi di studio in Francia, in Svizzera e negli Stati Uniti. Nel 1970 produce insieme a Crippa due opere “A quattro mani”.

Antonio Secci partecipa alla biennale di Menton in Francia ed espone insieme a Crippa presso la Jolas Gallery di New York. Poi il rientro alla sua Dorgali dove vive e opera, dopo un breve periodo sabatico. Da qualche anno ha riannodato i fili con importanti gallerie a livello europeo e non solo, facendo conoscere la sua arte in tutto il mondo.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes