Archeologia, natura e tradizioni: tre ragazze ne fanno un lavoro

A Mamoiada due archeologhe e un’esperta di comunicazione fondano Méskes, società di promozione del territorio

MAMOIADA. Tre ragazze scommettono sul turismo. Nasce nel paese delle maschere la società "Méskes". Hanno dimostrato coraggio e inventiva Manuela Gungui, Alice Medda e Cinzia Gungui. A dispetto della crisi economica e della difficile congiuntura, hanno voluto mettersi in gioco e scommettere su se stesse e inventarsi un’opportunità di lavoro con al centro Mamoiada e il suo territorio, che grazie alle tradizioni dei Mamuthones e degli Issohadores e a una rete museale è diventata un’attrattiva per migliaia di turisti ogni anno.

Per accogliere e accompagnare queste innumerevoli presenze era dunque necessario che si formasse una realtà imprenditoriale, capace di informare il visitatore, di fare da Cicerone all'interno di un territorio, cha ha tanto da offrire e da mostrare. Dall'enorme patrimonio archeologico, i siti e le presenze storiche di civiltà scomparse, a quello naturale. I boschi, il Supramonte, la selvaggia cornice di paesaggi incontaminati e affascinanti, da scoprire e godere. "Méskes" intende, pertanto, diventare il punto di riferimento di un paese vitale e dinamico, popolato da abili e talentuosi artigiani, da associazioni zelanti e antiche, da tradizioni millenarie e magiche. Facendo immergere chiunque voglia sapere di più di questa comunità laboriosa e fiera nel concreto di un microcosmo stupendo e avvincente.

La società, tutta in rosa, è stata presentatasi al pubblico venerdì nella Cantina Puggioni. Manuela e Alice sono entrambe archeologhe e guide ambientali. Cinzia, invece, si occuperà della parte comunicativa, delle relazioni con la clientela, del settore internet, lavorando inoltre alla grafica e raccogliendo, per ogni occasione, la documentazione fotografica. Tra le attività che Méskes si propone di organizzare, non mancheranno poi workshop e laboratori didattici, momenti e appuntamenti dedicati al trekking e alle altre discipline sportive legate alle escursioni all'aria aperta.

In occasione del taglio del nastro, inoltre, è stato presentato il corso di introduzione al Supramonte, che partirà il prossimo 20 gennaio, per concludersi a fine aprile. Si tratta di un approfondimento teorico e pratico, condotto direttamente a media quota. Tra i cammini del Gennargentu. Da alcuni giorni, infine, è partita la promozione del pacchetto turistico proposto per la festa dei falò Sant'Antonio. (ma.s.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes