Nuova luce nelle vie di Macomer

Partono i lavori per la messa a norma dell’impianto di illuminazione pubblica

MACOMER. Sono stati appaltati ad una ditta di Guspini i lavori per la messa a norma dell'impianto di illuminazione pubblica nelle aree in prossimità dell'ex carcere di Bonu Trau, dove sorgerà il Centro di Permanenza e Rimpatri per migranti irregolari. Otto le imprese che hanno risposto all'invito della Centrale Unica di Committenza dell'Unione dei Comuni del Marghine: 139.400 euro il valore a base d'asta dell'intervento, a cura della ditta Casu Antonino di Guspini, che ha stracciato la concorrenza proponendo un ribasso del 29,54 per cento. L'intervento, dal valore complessivo di 200mila euro, è stato finanziato dal ministero dell'Interno nell'ambito degli accordi che riguardano l'apertura in città del Cpr e interesserà, oltre le vie limitrofe alla struttura, la rotonda di Scalarba, tutta la via Gramsci compreso il tratto fronte militari, via Alghero, via Porto Torres, via Bosa, via Lanusei, via Vienna, via Berlinguer, via Papa Simmaco, Via Sicilia, “Posto blocco”. «Tramite il ribasso d’asta – aggiunge l'assessore ai Lavori pubblici Marco Manus – si conta di intervenire su numerose altre vie, tra le quali via Atene, dove l’illuminazione non è mai stata predisposta. Tutte le vie che sono state selezionate per la condizione di estrema criticità dell’impianto, saranno dotate di una efficientissima illuminazione a Led». I lavori dovrebbero iniziare già nelle prossime settimane e, come precisa lo stesso assessore Manus, fanno parte di un progetto più ampio di rinnovamento dell'impianto di illuminazione cittadina, le cui condizioni sono state spesso al centro delle lamentele dei cittadini oltre che delle polemiche politiche: «per il 2019 abbiamo previsto di effettuare ulteriori interventi dal valore di 300mila euro su un impianto pubblico obsoleto e deteriorato. Contiamo di sostituire i 300 punti luce mancanti in città e quelli ammalorati». Marco Manus si sofferma anche sugli interventi avviati a dicembre per rimpiazzare i punti luce rimossi in quanto pericolanti: «L'intervento continuerà per tutto febbraio. Ha interessato e interesserà sia le vie dove i pali sono stati rimossi, sia tante vie in cui l’illuminazione mancava invece da diverso tempo. Contiamo anche di risolvere in queste settimane le problematiche manifestatesi nel nuovo impianto a led nella zona di piazza Italia e viale Sant’Antonio».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes