Cardedu: l'erosione devasta spiagga, strada e pineta

Il sindaco lancia accuse contro la burocrazia che frena i rimedi possibili

CARDEDU. La forza del mare, sospinto impetuosamente dal vento di grecale, ha scalzato il muraglione, la strada e la pineta: ciò che rimane della spiaggia di Museddu, a Cardedu, è un lungo tratto di costa spoglio, senza più pini e sabbia portati via dalla corrente.

Ciò che rimane è anche l'amaro in bocca per i vincoli imposti dalla burocrazia, vincoli che hanno di fatto sospeso i termini della "somma urgenza", dicitura che consente di porre rimedio senza lunghe procedure standard a quella che il sindaco Matteo Piras bolla come una vera e propria catastrofe per la sua comunità. «Ora occorre trovare una soluzione, dobbiamo sistemare al più presto il lungomare che per noi rappresenta una straordinaria risorsa» sottolinea il primo cittadino che in questi giorni dopo aver autorizzato la posa d blocchi in calcestruzzo nella parte iniziale della strada con l'intento di frenare (in parte inutilmente) l'erosione, non ha potuto far altro che assistere impotente all'azione implacabile delle mareggiate. Ed ora scruta preoccupato l'orizzonte.

Le previsioni meteo parlano di un'altra grecalata in arrivo, grecalata che potrebbe danneggiare ulteriormente la striscia d'asfalto che costeggia la spiaggia. «La sabbia, spero, ritornerà, ma ciò che dobbiamo fare è trovare una soluzione a protezione della strada ora inagibile» dice Piras. Il comune ogliastrino punta sulla vocazione turistica per il suo sviluppo e la situazione in cui si trova Museddu è una ferita lacerante. Di fronte al mare ci sono tantissime attività: ristoranti, bar e negozi. Cosa succederà se non si riuscirà a sistemare tutto per la prossima stagione balneare?

«Si tratta di un'ipotesi che non vogliamo neanche prendere in considerazione» dice ancora il sindaco Piras consapevole che l'andamento della stagione turistica dipenderà dalle condizioni della splendida spiaggia frequentata da turisti e residenti e dagli appassionati di kite suf che ogni anno si danno appuntamento nel ventoso litorale ogliastrino. La corsa contro il tempo per far tornare il lungomare di Museddu ai consueti splendori è appena iniziata.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes