Benevole, un sindaco della gente

Intitolato all’ex primo cittadino il centro di aggregazione sociale

BIRORI. «I cittadini di Birori conservano un ottimo ricordo della figura di Romano Benevole perché gli riconoscono il possesso di una qualità non comune: quella di essere sempre stato molto vicino alla popolazione del suo paese, mostrandosi particolarmente sensibile alle componenti più deboli e bisognose di sostegno». A dirlo, Silvia Cadeddu, sindaca di Birori, che ha così salutato le persone accorse in gran numero alla cerimonia di intitolazione del centro di aggregazione sociale all'amministratore che, in due fasi diverse e per un trentennio in tutto, ha guidato il piccolo centro del Marghine offrendo un contributo determinante alla sua crescita economica e sociale. Fausto Mura, presidente dell'Associazione Nino Carrus, promotrice della serata insieme al comune di Birori e all'Associazione Onlus impegno per la qualità della vita, ha posto l'accento sulla comune militanza politica nella Democrazia cristiana ed espresso parole di apprezzamento per l'apporto dato da Benevole alla crescita del territorio del Marghine-Planargia. Apprezzamenti condivisi anche dagli altri relatori, che hanno riportato alla luce ricordi di carattere politico e altri riguardanti la sfera più personale e privata. Per la famiglia Benevole è intervenuto il figlio Paolo che ha ringraziato i promotori della serata, i relatori e tutti i cittadini. A Benevole è stato dedicato anche un murale nella parete esterna del centro di aggregazione sociale.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes