Fiamme in Ogliastra: evacuati un hotel e due camping

Il rogo nel villaggio di Cea: impegnati due canadair e un elicottero

NUORO. Le fiamme tornano a fare paura in Ogliastra. A pochi chilometri a sud dall'incendio di sabato, un nuovo rogo è scoppiato a Cea, vicino alla spiaggia omonima, a metà tra Bari Sardo e Tortolì. Alimentato dal forte vento di maestrale, il fuoco si è subito diretto verso gli insediamenti turistici: un hotel che ospita 40 persone, due campeggi per camper e la colonia dei salesiani sono state fatte evacuare.

Le fiamme divampate a Cea, in Ogliastra, hanno raggiunto rapidamente anche l'hotel Baia di Cea, sulla collinetta retrostante la spiaggia, non lontano dai due campeggi che sono già stati fatti evacuare. Anche in questo caso i 40 ospiti del resort sono stati fatti allontanare a piedi verso la spiaggia: impossibile transitare tra le strette vie circostanti. All'interno dell'hotel c'è anche un bombolone di gas, che ora gli uomini della Protezione civile stanno cercando di mettere in sicurezza.

«Qui perdo il lavoro di una vita. Ma quando arriva il Canadair?». Sono le poche parole della proprietaria dell'hotel Baia di Cea, raccolte nei momenti concitati in cui dava indicazione alle squadre a terra per raggiungere il bombolone di gpl prima che le fiamme lo potessero intaccare. Il fuoco sta distruggendo la macchia mediterranea attorno alle strutture turistiche evacuate. Nella battaglia per spegnere le fiamme sono impegnati anche due canadair e un elicottero.

«Oltre all'hotel e ai campeggi abbiamo dovuto evacuare anche la spiaggia di Cea». Ha detto il sindaco di Bari Sardo, Ivan Mameli, che sta coordinando le operazioni di soccorso per l'incendio che si è sviluppato nuovamente in Ogliastra, non lontano dal rogo che sabato ha distrutto 800 ettari a Tortolì.

«L'hotel è stato coraggiosamente salvato dalle fiamme alte anche 10 metri che hanno lambito la struttura - spiega - pare che l'incendio sia partito da un focolaio ancora attivo da ieri».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes