Assemblea pubblica su miasmi e mosche

Magomadas, il sindaco Cauli annuncia l’incontro dopo varie segnalazioni allarmistiche in paese

MAGOMADAS. Prima le verifiche quindi un’assemblea pubblica «dove verranno esposti gli esiti delle interlocuzioni e dove i cittadini potranno partecipare attivamente» l’annuncio del sindaco di Magomadas Emanuele Cauli, seguito alle segnalazioni che riguardano «la percezione di miasmi maleodoranti e abnorme presenza di mosche nelle zone più vicine agli impianti».

Questi i problemi segnalati dopo l’apertura dell’attività di «recupero di rifiuti speciali non pericolosi» di una ditta, la Geco Srl, che opera nell’area industriale di Magomadas in località San Pietro, precisa l’informativa affissa all’albo pretorio del comune. «Disponibile a partecipare all’assemblea per fornire tutte le delucidazioni necessarie, ma su alcune accuse che ci sono state rivolte valutiamo azioni legali» precisa uno dei soci della Geco, l’imprenditore Leonardo Galleri.

Il Comune intende informare la popolazione carte alla mano «al fine di evitare la comparsa di situazioni di tensione e ingiustificati allarmismi» uno degli obiettivi. «Stiamo monitorando costantemente la situazione ed è in corso una interlocuzione attiva con la ditta interessata e con gli enti sovracomunali competenti, per individuare soluzioni utili a risolvere il problema. Martedì prossimo è in programma inoltre una disinfestazione da mosche e zanzare in alcune zone del paese» dice il sindaco Emanuele Cauli.

«Produciamo ammendanti biologici per l’agricoltura certificati dal ministero, abbiamo tutte le carte in regola e trattiamo fanghi di depurazione di certa provenienza e composizione. La nostra società si attiene strettamente alle normative vigenti. Anche nei giorni scorsi abbiamo avuto un ulteriore controllo e tutto è risultato in regola» conclude l’imprenditore Leonardo Galleri.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes