Tentano di rubare gli spogliatoi

Bortigali, cercano di portare via un container al tennis club Il sindaco: «È un gesto vile, ripristineremo la struttura»

BORTIGALI. Hanno agito in pieno giorno, tra le 12.30 e le 13 del 21 agosto, puntando, forse, sul fatto che i residenti della piccola frazione di Mulargia avrebbero pensato che i “lavori in corso” fossero stati commissionati dal Comune di Bortigali. A bordo di un mezzo pesante, un trattore o un camion gru, hanno tentato di sollevare e rubare, questa sembrerebbe al momento l’ipotesi più accreditata, il vano appoggio utilizzato dagli iscritti all’Asd Tennis club. Il container, adiacente al campo da gioco, funge da spogliatoio e si trova nel cortile delle ex scuole elementari. Disturbati da qualcosa o da qualcuno i ladri hanno, poi, desistito dall'impresa facendo perdere le loro tracce e lasciandosi alle spalle ingenti danni. Al momento non possono essere quantificati e il timore dei membri dell'associazione sportiva dilettantistica è di non poter riprendere gli allenamenti e il campionato a fine settembre. «L’amministrazione civica provvederà a ripristinare la struttura – assicura il sindaco Francesco Caggiari, – e condanna il gesto vile e increscioso compiuto, in modo sfrontato, da persone che hanno cercato di sottrarre un bene utile al patrimonio del Comune e quindi a tutti i bortigalesi».

«Siamo arrabbiati e senza parole – aggiunge la segretaria dell’Asd Tennis club, Maria Luisa Uda –. Mi domando cosa abbia spinto questi malintenzionati a tentare di rubare e a vandalizzare quello che per noi è un punto di riferimento importante. Abbiamo una ventina di atleti, dai 10 anni in su, che militano nel campionato D4 e D2 maschile e femminile e che senza l’agibilità dello spogliatoio non potranno riprendere a giocare».

«Le misure anti Covid – precisa il presidente Alberto Manai – avevano già assestato un duro colpo al nostro circolo facendo diminuire il numero delle iscrizioni, ora questo gesto scellerato rischia di compromettere del tutto il lavoro e l’impegno portati avanti dal 2012». Le indagini sono affidate ai carabinieri della stazione di Bortigali. La speranza è che dai rilievi possano emergere elementi utili a individuare i colpevoli. «Un paio d’anni fa abbiamo investito 5mila euro per acquistare il vano appoggio – tuona il primo cittadino –. Lo abbiamo fatto per andare incontro alle esigenze di tutti ma, evidentemente, il nostro impegno non viene riconosciuto da persone come quelle che hanno tentato il furto. In virtù di quanto successo, ritengo più che mai necessaria l'installazione del sistema di videsorveglianza nel nostro paese. I lavori, pronti per l’avvio, sono fermi al palo per cavilli burocratici».



WsStaticBoxes WsStaticBoxes