«Trenino verde da riattivare presto»

L’ex sindaco di Ussassai Deplano: sistemando la tratta ripresa dei viaggi ad aprile

USSASSAI. «Oltre alle famose littorine, le locomotive e le carrozze in pessimo stato di conservazione, alle quali, dieci giorni fa, la Guardia di finanza di Cagliari, in collaborazione con i carabinieri, ha posto i sigilli, in alcuni depositi sardi, ci piacerebbe vedere passare, qui nel nostro territorio, dopo tanti anni, le altre di cui l’Arst dispone e che servirebbero per il nostro trenino verde». A parlare è l’ex sindaco (per cinque mandati) di Ussassai, Giannino Deplano, storica figura di amministratore, sempre in prima fila, per decenni, in tutte le battaglie ogliastrine, non ultima proprio quella per il trenino verde.

«Siccome anche in questo lembo d’Ogliastra non viviamo solo di ricordi – afferma l’ex amministratore del più piccolo paese dell’Ogliastra, che conta appena 506 residenti – ci piacerebbe rivedere transitare, nel nostro territorio comunale, nella zona di Niala, al ponte di san Girolamo, il famoso trenino verde, con le sue littorine a scartamento ridotto, le locomotive e anche le vecchie carrozze. Perché sarebbe anche tempo, considerato che è oramai da un lustro che questo famoso mezzo di trasporto su strada ferrata non passa più nel nostro territorio, per poi giungere a Seui e da lì a Mandas».

Giannino Deplano ricorda che della vecchia tratta del trenino verde, la Arbatax-Mandas, che prevedeva, in Ogliastra, la Arbatax-Seui, con stazione capolinea proprio sul mare nella caletta Genovesi, causa mancati interventi di manutenzione su due ponti, da cinque anni esiste soltanto la Arbatax-Gairo Taquisara, frazione gairese che confina con il territorio comunale ussassese.

«Non vedo ancora – prosegue l’ex primo cittadino – gli interventi di manutenzione promessi nel ponte di san Girolamo (chiuso al transito dei treni da anni) ai confini con la zona di Niala, dove abbiamo un punto di ristoro comunale, chiuso da tre anni, proprio a causa del mancato transito del trenino verde (che a breve verrà rimesso in appalto). Mi auguro possano essere effettuati quanto prima, visto che già da aprile potrebbe esserci qualche viaggio del trenino verde. Prima di quelli a calendario, che – Covid permettendo – si prevede possano essere effettuati da metà giugno fino a metà settembre». (l.cu.)



WsStaticBoxes WsStaticBoxes