Rischio idrogeologico arrivano 990mila euro

Barisardo è tra i 21 Comuni sardi che ottengono il finanziamento ministeriale Il sindaco Mameli: «Vogliamo realizzare un canale di guardia a monte del paese»

BARISARDO. Arriva un importante finanziamento ministeriale per Barisardo: 990mila euro che saranno destinati a interventi per il rischio idrogeologico. A darne notizia è stato il sindaco Ivan Mameli, ricordando che l’ente locale ha partecipato a un bando, a livello nazionale. E che Barisardo è fra quei 21 Comuni sardi che rientrano tra i beneficiari del finanziamento. «A inizio 2020 il ministero dell’Interno – spiega Mameli – pubblicò un bando che prevedeva la possibilità per tutti i 7.903 Comuni d'Italia, di beneficiare di importanti contributi a fondo perduto per realizzare interventi a tutela della sicurezza pubblica. Il principale obiettivo era quello di realizzare opere ingegneristiche per ridurre il rischio idrogeologico all'interno dei Comuni. I criteri previsti dal bando erano molto selettivi. Tra questi occorreva dimostrare contabilmente sia di avere i conti in ordine nonché di avere una forte propensione alle spese in conto capitale (opere pubbliche). Oggi portiamo a casa un finanziamento di 990mila euro».

L’amministrazione comunale rimarca di avere le idee chiare su quello che necessita prioritariamente alla comunità locale. «Credo che i bariesi non dimenticheranno mai le alluvioni che colpirono pesantemente la nostra comunità – prosegue il primo cittadino – mi riferisco in particolar modo all’alluvione del 31 ottobre 1993, della quale esistono abbondanti tracce storiche dell’accaduto. A distanza di tanti anni sappiamo bene quali siano stati gli errori e i punti deboli del nostro territorio. Siamo partiti proprio da quella lezione di vita. L’obiettivo è quello di realizzare un canale di guardia a monte del paese: un’opera ingegneristica di difesa idrogeologica del centro abitato costituita da un canale a forma aperta in calcestruzzo armato».

Tale opera intercetterà le acque che scorrono in un compluvio naturale evitando che enormi quantitativi d'acqua e detriti «possano riversarsi disastrosamente a valle, ossia nel cuore del paese come avvenne quella maledetta domenica del 31 ottobre del 1993; ci stiamo portando avanti, da due mesi sono finalmente iniziate le opere di manutenzione straordinaria dei canali di bonifica i quali non ricevevano le dovute opere di manutenzione da 28 anni». Mameli annuncia che questi lavori saranno finiti a breve. Mentre circa tre mesi fa Barisardo si è dotato di un Piano di Protezione civile comunale.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes