Tutti in fila per i vaccini Già iniettate 700 dosi

Nel primo giorno della campagna vaccinale massiccia risposta degli over 80 Soddisfatta la commissaria Assl Cherchi: entro sabato 2730 somministrazioni

NUORO. I centenari nuoresi in coda per la prima dose del vaccino anti Covid: la più anziana ha 103 anni. È partita ieri mattina dalla palestra dell'Istituto di istruzione superiore Francesco Ciusa, in viale della Costituzione, il grande hub allestito, la mega campagna vaccinale dedicata agli over 80 del capoluogo barbaricino: 3.612 le dosi destinate ai super anziani residenti a Nuoro. Duemila settecento trenta circa sono invece gli ultra ottantenni di Nuoro, compresi anche quelli che compiono 80 anni nel 2021) ai quali sarà somministrata la prima dose del vaccino Pfizer entro sabato mattina alle 11, ora in cui il farmaco scadrà. «Siamo molto soddisfatti di questa prima giornata della campagna di vaccinazione rivolta agli ultra ottantenni – commenta con orgoglio Gesuina Cherchi, commissaria straordinaria dell'Assl di Nuoro – . In centinaia si sono presentati fin dalla mattina nella palestra della scuola di viale Costituzione, dove tutto è filato liscio fino alla sera – spiega la Cherchi –. Abbiamo predisposto tutto al meglio per agevolare le operazioni nel più breve tempo possibile, mettendo in campo un sufficiente numero di personale sanitario».

La prima giornata si è conclusa con oltre 700 dosi somministrate, otto ambulatori dedicati e quattro postazioni vax per le registrazioni. E dalla prossima settimana la macchina organizzativa dell’Assl nuorese procederà con le vaccinazioni a domicilio per le persone allettate o in condizioni di grave infermità/invalidità, con la preziosa collaborazione dei medici di base e il team di sanitari guidati dalla dottoressa Gianfranca Piredda, responsabile delle Cure domiciliari, che andrà a somministrare le prime dosi direttamente a casa.

«Pur non nascondendo le comprensibili criticità iniziali – commenta Cherchi – legate principalmente a uno sforzo organizzativo e di risorse umane non indifferente, la campagna nell'Assl di Nuoro procede senza intoppi, a partire dagli operatorio sanitari ospedalieri e territoriali, alle case di riposo e volontari 118, passando per medici di base e pediatri, professionisti operanti in ambito sanitario (medici liberi professionisti, odontoiatri, farmacisti, veterinari, biologi, chimici, fisici, psicologi, ostetriche, tecnici, informatori farmaceutici), fino ad arrivare ai cittadini over 80, già in fase avanzata nei comuni distrettuali. Ad oggi sono state vaccinate oltre 10mila persone».

«Ora – conclude la commissaria – con l'avvio della campagna di massa sui cittadini, contiamo di completare questo fondamentale percorso nella lotta alla pandemia Covid-19 nel più breve tempo possibile».

Oltre al capoluogo barbaricino le vaccinazioni agli over 80 sono partite anche a Gavoi dove afferiranno gli anziani di Lodine, Ollolai e Olzai, a Orani con gli over 80 di Oniferi e Sarule, a Fonni, a Oliena, Orgosolo con gli anziani di Mamoiada, Bitti dove saranno vaccinati anche gli ultra ottantenni di Lula, Onanì, Orune e Osidda, a Dorgali, Ottana e Orotelli. Nel Distretto socio sanitario di Macomer invece, dove è stato allestito un hub principale, sarà messa in campo una unità mobile che si sposterà nei comuni del territorio, con due centri di riferimento (Borore e Silanus). Stesso discorso per Sorgono che sarà hub principale è avrà una unità mobile per i centri del territorio. Dal Distretto socio sanitario di Siniscola si proseguirà con le vaccinazioni per gli anziani di Posada, Lodè e Torpè, Orosei,Galtellì, Irgoli, Loculi e Onifai.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes