Osini, il Parco dei Tacchi va avanti

Via alla realizzazione della prima area camper attrezzata a Funtana Ursu

OSINI. “Sistema turistico culturale del Parco dei Tacchi: infrastrutture ambientali”: vanno avanti gli attesi lavori per il completamento del progetto. In questa ottica, il sindaco osinese Tito Loi ieri ha ricordato «che si tratta di un intervento molto atteso dalla comunità locale». A brevissima scadenza partiranno anche i lavori per la realizzazione dell’area camper attrezzata (la prima di tre) che sorgerà nel piazzale di Funtana Ursu e che avrà dieci postazione per camper di differenti dimensioni.

«Ci stiamo attivando, fin dall’insediamento dell’esecutivo e dell’intero gruppo di maggioranza consiliare con grande e quotidiano impegno – afferma il primo cittadino del piccolo paese dell’area della vallata del Pardu – per offrire maggiori e qualificati servizi, rivolti soprattutto a quanti prediligono il turismo attivo che mira a un contatto diretto con la natura». L’obiettivo dell’intervento “Sistema turistico culturale del Parco dei Tacchi: infrastrutture ambientali” è di consentire la regolare fruizione dell’anfiteatro e dell’area limitrofa. L’importo complessivo dei lavori è pari a 100mila euro, di cui 76.317, a carico della Regione e 23.682 a carico del bilancio comunale.

«Come amministrazione comunale – prosegue Tito Loi – intendiamo dare realmente corpo a un più ampio progetto di sviluppo del “Sistema turistico culturale del Parco dei Tacchi”, intervenendo sugli aspetti legati alla sicurezza e alla corretta fruizione delle aree e delle strutture presenti nel parco, razionalizzando ed adeguando le infrastrutture alle disposizioni normative anche in vista del raggiungimento degli standard minimi per l’ottenimento dei permessi per lo svolgimento di spettacoli all’aperto e attività ludiche».

Il capo dell’esecutivo comunale ricorda, inoltre, che l’ente locale ha voluto dotare le varie strutture ricettive presenti (campeggio e hotel) delle caratteristiche minime funzionali «che ne garantiscano la regolare fruizione durante tutto l’anno, anche per favorire un più omogeneo e anche stabile sviluppo turistico del territorio osinese». (l.cu.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes