La Gallura del futuro sviluppo sostenibile al passo con l’Europa

Le linee guida dell’associazione Gdv definite dal direttivo Avviata la mappatura delle potenzialità locali da valorizzare

TEMPIO. Nei giorni scorsi si sono aperti i lavori di "Gdv-Gallura da Valorizzare". Il direttivo a Tempio ha tracciato linee guida programmatiche sugli intenti dell'Associazione (apolitica e apartitica) ha dato mandato ai coordinatori dei paesi di dare avvio alla mappatura delle potenzialità valorizzabili come previsto per la prima fase, a premessa del successivo studio capillare del territorio. «Siamo uniti dall'amore incondizionato verso questo territorio scarsamente valorizzato, sia per mancanza di consapevolezza dell'enorme potenziale esistente, sia per la mancanza di coesione sinergica tra le singole realtà associative – spiega Fabrizio Carta, presidente e fondatore dell'associazione –, GdV intende colmare questo gap, unendo e facendo interagire passione e competenza. Collaboreremo con tutti: tanto con singoli cittadini e singole professionalità, quanto con comuni, enti (incluse le scuole) e associazioni».

Il team. Gdv si avvarrà, nel ruolo di segretario coordinatore generale di Guido Rombi, delle professionalità di Alessandro Ruggero (naturalista e botanico), di Giacomo Calvia (archeologo escursionista e autore della Guida al Limbara), di Letizia Fraschini (archeologa) e di Leonardo Lutzoni (architetto e recente coautore di un libro di urbanistica sul territorio, vice presidente di GdV). I quattro esperti guideranno il team di studio naturalistico, urbanistico e archeologico. In videoconferenza da Bruxelles ha fatto eco l'altra vice presidente Gaya Ducceschi, analista politica all'Agenzia della Commissione europea per la valorizzazione delle realtà rurali: «Valorizzazione deriva da valore; ecco, Gdv si basa su valori precisi per creare la giusta sinergia di sviluppo locale in un’ottica non solo europea, ma globale - dice la Ducceschi -. In poche parole, rispondendo alla domanda di un’Europa delle regioni e delle realtà locali, aderiamo a uno sviluppo sostenibile del territorio in cui, banalmente, la felicità di uno è interdipendente da quella di tutti, uscendo dalla logica del campanilismo dei Comuni, per contribuire a suscitare lo sviluppo del potenziale collettivo, utilizzando anche strumenti di finanziamenti europei disponibili».

Le adesioni. Il presidente Carta aggiunge: «La nostra idea è ambiziosa e utile alla collettività, ma, il fatto di essere già passati alla fase pratica e concreta mi lascia ben sperare per il raggiungimento nei tempi previsti degli scopi dell'Associazione alla quale tutti, gratuitamente, possono iscriversi per dare il contributo più puro alla conoscenza e alla valorizzazione di questo paradiso. Il gruppo è straordinario formato da persone ricche di competenze e voglia di fare».

Il direttivo Gdv. Ne fanno parte Giorgio Addis, Andrea Altana, Daniela Baltolu, Antonio Batzu, Giacomo Calvia, Dante Dessena, Fabrizio Carta, Francesco D'auria, Gaya Ducceschi, Letizia Fraschini, Roberto Gatto, Anna Maria Giagheddu, Giuseppe Goddi, Leonardo Lutzoni, Pietro Masia, Paola Masu, Piergiacomo Pala, Alessandro Piga, Veronica Pilo, Piera Pirredda, Claudia Pulixi, Guido Rombi, Alessandro Ruggero, Alessandro Secchi, Massimo Serra, Marilù Soro.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes