Adesso barba e capelli li fa una giovane donna

Natalie Belli davanti alla barberia appena aperta a Olbia

A Olbia la sfida di Natalie Belli, 22 anni: la sua barberia apre nel cuore della città. «Un vero salotto “vittoriano” all’insegna dell’esclusività e della sicurezza»

OLBIA. «L’altro giorno, davanti alla mia vetrina, si è fermato un signore di una certa età. Sistemavo, mi sono avvicinata a lui. Era incuriosito. “Ma deve aprire qui una barberia?”, mi ha chiesto. “Sì”, gli ho detto. Poi mi ha chiesto chi fosse il barbiere. «Ce l’ha davanti», gli ho risposto».

Con un sorriso contagioso e una carica di entusiasmo incredibile, Natalie Belli, 22 anni, a partire da oggi farà barba e capelli agli uomini. Sfidando le difficoltà legate alla pandemia e mettendo a frutto tutta la sua esperienza accumulata a Londra, apre nel cuore della città, in via Sassari, “Belli’s Barber Parlour”, la prima barberia della città gestita da una giovane donna. «Quando ho pensato al nome da dare alla mia attività, ho messo in mezzo la parola “Parlour”: si chiamava così il salotto dell’epoca vittoriana, dove ci si riuniva per chiacchierare. Ed è proprio quello che voglio creare qui: il cliente deve sentirsi in un salotto, in un luogo esclusivo dove può anche leggere un libro (in italiano o in inglese), come Madame de Pompadour».


Il locale, curato in ogni minimo dettaglio, fa rivivere i tempi della Regina Vittoria con un tocco di modernità. «Ho studiato ogni angolo, andando alla ricerca di pezzi unici e ricercati. Tra questi anche una collezione di antiche tazze da barbiere dove si mettevano l’acqua calda e il sapone».



Natalie Belli, nata a Sant’Elia Fiumerapido (in provincia di Frosinone), paese di suo padre Leonardo, si è trasferita a Olbia da circa un anno, ma ha vissuto soprattutto a Londra, dove si è formata. «E’ stata proprio mia madre, che è inglese e che ha fatto prima la parrucchiera e poi la formatrice, a trasmettermi la sua passione. Ma sin da subito sono rimasta attratta dal mondo delle barberie, più artistico e creativo. A me piace creare tagli per l’uomo, anche con acconciature. E’ importante seguire le tendenze, ma traggo ispirazione soprattutto da ciò che vedo: creo un contatto con chi ho davanti, parlo, ascolto. E a quel punto so esattamente cosa consigliare e che cosa fare. Ho fatto esperienza anche in un salone afro, a Londra, e lì ho davvero imparato molto»

Ma la passione più grande di Natalie è fare la barba. «Ho appeso su una parete della mia barberia tutti i certificati che dimostrano le competenze acquisite - spiega -. Non avrei voluto farlo, ma una ragazza che apre una barberia deve conquistare la fiducia dei clienti e devono vedere con i loro occhi che sono una barbiera esperta e capace. Perché mi piace fare la barba? Innazitutto perché è rilassante anche per me e poi perché offro un servizio innovativo e di lusso. Comincio con un scrub profondo, poi applico le creme pre-rasatura, quindi passo a un trattamento con asciugamani caldi in modo da aprire i pori e far scorrere meglio la lama. Al termine della rasatura, metto sul viso altri asciugamani caldi per eliminare eventuali impurità, quindi stendo sulla pelle la crema dopobarba. Un’ora di relax totale con una musica soft nella parte iniziale. Il volume di alza leggermente quando è il momento di “risvegliarsi”. Ho concentrato tutto su esclusività, sicurezza e igiene. Tutti i miei attrezzi sono monouso, per rispettare le regole, ma ho anche ciò che serve per sterilizzare e igienizzare. E per rispettare l’ambiente, uso prodotti sostenibili». Sull’insegna della barberia “Belli’s barber Parlour”, c’è un disegno che raffigura un paio di forbici e una rosa nera. «Che ha anche, tra i tanti, un significato positivo. E’ il simbolo del cambiamento, è portatrice di speranza». E la speranza di Natalie Belli è che questa barberia possa rappresentare la svolta della sua vita.
 

WsStaticBoxes WsStaticBoxes