Morto in casa da due giorni

Uomo di 66 anni stroncato da un infarto: l’allarme dato dai familiari

GONNOSNO. Dopo aver sfondato la porta lo hanno trovato in una stanza oramai privo di vita: un uomo, di 66 anni sarebbe stato ucciso da un infarto. L'allarme è stato lanciato ieri mattina verso le 14 dai familiari, preoccupati per non aver avuto più notizie da ben due giorni. La segnalazione è arrivata alla caserma dei carabinieri di Gonnosnò che ha provveduto così ad allertare il 118. I militari si sono presentati a casa del pensionato in via Oristano a Figu, una frazione di Gonnosnò, ma nessuna ha risposto. Con l'ausilio dei vigili del fuoco del distaccamento di Ales, è stata aperta la porta di casa per permettere l'ingresso dei soccorsi. Purtroppo non c'è stato niente da fare. Il poveretto è stato ritrovato privo di vita in una stanza della abitazione al secondo piano. Il medico del 118 ha quindi potuto solo constatare il decesso, causato da un malore.

Uno dei parenti del pensionato ha confermato ai carabinieri che l'uomo da alcuni giorni non stava bene, ma mai avrebbe pensato che quel malore era il presagio di un infarto. I carabinieri di Gonnosnò hanno inviato un rapporto alla magistratura. La salma è stata già restituita ai familiari.

Elia Sanna

WsStaticBoxes WsStaticBoxes