Disabile imprigionato in casa: il caso finisce su Canale 5

Marrubiu, è un caso nazionale la vicenda di Giuseppe Colombu, l’ottantunenne invalido che da due anni vive praticamente prigioniero nel suo alloggio popolare

MARRUBIU. È un caso nazionale la vicenda di Giuseppe Colombu, l’ottantunenne invalido che da due anni vive praticamente prigioniero nel suo alloggio popolare, al terzo piano di una palazzina dell’agenzia Area. Martedì l’anziano, che per potersi sottoporre alla dialisi due volte alla settimana, dev’essere aiutato da due persone e portato letteralmente di peso lungo le rampe di scale della palazzina dove abita, ha raccontato la sua vicenda dinanzi alle telecamere della trasmissione “Pomeriggio Cinque”, condotta da Barbara D’Urso.

Una troupe televisiva si è infatti recata a Marrubiu e con un collegamento in diretta, Giuseppe Colombu e il figlio Maurizio con l’avvocatessa Patrizia Frau, hanno raccontato la loro triste vicenda, fatta di richieste continue di un alloggio al piano terra o di poter almeno installare un montascale per poter superare le rampe e anche di poter allargare la porta del bagno diventata troppo stretta per poter far passare la carrozzina dove l’anziano è costretto da quando si è rotto il femore, senza mai ottenere risposte concrete. In questi due anni, i Colombu hanno chiesto aiuto anche al sindaco

. Proprio al primo cittadino Andrea Santucciu e al direttore di Area, Flavia Adelia Murru, Barbara D’Urso ha rivolto un appello per trovare una soluzione che metta una volta per tutte fine alla condizione di prigioniero in casa del signor Colombu.
 

WsStaticBoxes WsStaticBoxes