Quando la Bellezza diventa Santità

In mostra al museo diocesano di Oristano, da venerdì sino alla fine di luglio, le opere dell’artista sassarese Jacopo Scassellati

ORISTANO. Il mutevole concetto di bellezza è la chiave di lettura della mostra "Philocalia e lo specchio di Narciso", personale dell'artista Jacopo Scassellati per il Museo Diocesano Arborense che sarà inaugurata venerdì alle 19.30.

Il progetto a cura di Anna Rita Punzo, con la direzione di Silvia Oppo, intende dar forma a una “via pulchritudinis” (via della Bellezza in lingua latina). Si tratta di un percorso, attraverso il termine greco philocalia, riconduce all'idea di "amore della bellezza", intesa nel suo manifestarsi più sacro e puro di rivelazione e contemplazione di Dio; è la Bellezza che perviene al culmine della preghiera, che alimenta la vocazione di chi fa della propria vita un capolavoro di amore, relazione e condivisione, la Bellezza che si effonde nei cuori e plasma l'immagine dei santi. La Bellezza è dunque sinonimo di santità, sua massima espressione e manifestazione, è la forza che rifugge l'egocentrismo e lo spasmodico amore di sé. Quando la sua contemplazione degenera nell'esasperato inseguimento della mera apparenza estetica, l'uomo alimenta la propria alienazione e diviene carnefice della sua stessa anima.

Il percorso espositivo definito dalle opere pittoriche e dai gruppi scultorei di Jacopo Scassellati, segue il solco tracciato da questa netta dicotomia, per dar forma a una via pulchritudinis in cui la “philocalia”, intesa come personificazione di una virtuosa bellezza neoclassica che rapisce, incanta e conquista, lascia spazio a una sintetica espressione dell’odierna cultura social e dell'antica concezione narcisistica del culto di sé. Il mito di "Colui che si riflette", di quel

“Narciso convertito in fiore” in cui Leon Battista Alberti indicava l'inventore della pittura, è qui evocato in virtù del suo essere paradigma della nuova società dell'immagine in cui l'autoritratto fotografico si configura come emblema nella nuova iconomania: l'esigenza di divenire e farsi immagine.

La mostra sarà visitabile fino al 28 luglio, il giovedì e il venerdì dalle 17 alle 20, il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes