La tribuna coperta sarà presto agibile

Promessa dell’amministrazione comunale per la stagione in arrivo

ORISTANO. Per diversi mesi, attraverso la sua desolante precarietà, ha rappresentato un’efficace metafora dello stato di salute della Tharros. Un impianto insicuro e inaccessibile in diversi suoi settori, teatro di una squadra che annaspava sul rettangolo verde e conviveva con l’incombente spettro del fallimento societario. Adesso, dopo il salvataggio e l’impostazione del rilancio del sodalizio biancorosso, è tempo di un restyling, non più procrastinabile, del campo comunale. «In tal senso, abbiamo avuto le dovute rassicurazioni da parte dell’amministrazione comunale che, nei limiti del possibile, ci ha sempre supportato in questi primi mesi di gestione societaria – la conferma di Tonio Mura, patron biancorosso –. A conferma di questo, nelle scorse settimane, sono stati affidati i lavori di sistemazione della tribuna coperta del campo Tharros. Auspichiamo che questi possano concludersi entro l’inizio della prossima stagione ormai imminente».

Il provvedimento si allinea alle ambizioni di una società vogliosa di riavvicinare la città alla squadra dopo anni di comprensibile disaffezione. «Il completamento dei lavori relativi alla tribuna coperta sarà d’aiuto nella prossima campagna abbonamenti – sottolinea Mura –. Molti tifosi, in particolare quelli non più giovanissimi, avrebbero avuto più di qualche perplessità prima di siglare l’abbonamento stagionale. Piuttosto, senza la certezza della disponibilità della tribuna coperta, avrebbero preferito acquistare i biglietti per le singole partite. E li capisco. I lavori di sistemazione del campo comunale, perciò, possono rappresentare una tappa fondamentale nel percorso di riavvicinamento tra Oristano e la Tharros».

Stefano Sulis

WsStaticBoxes WsStaticBoxes