Comparto lattiero caseario, Copagri guarda al futuro

GHILARZA. L’autunno caldo dei pastori è cominciato in anticipo e ha portato in terra sarda il ministro dell’Agricoltura Teresa Bellanova, che ieri si è seduta al tavolo delle parti per fare il punto...

GHILARZA. L’autunno caldo dei pastori è cominciato in anticipo e ha portato in terra sarda il ministro dell’Agricoltura Teresa Bellanova, che ieri si è seduta al tavolo delle parti per fare il punto sull’intesa che dovrebbe portare il prezzo del latte a un euro entro la fine dell’anno. Accordo che l’esponente del governo ha ratificato a livello verbale, ma fino a quando le dichiarazioni d’intento non si commuteranno in risultati concreti a favore dell’anello debole della filiera permarrà lo stato di agitazione degli allevatori.

Uno dei punti rivendicati dal mondo agropastorale riguarda l’attuazione di interventi strutturali nel settore primario per garantire il raggiungimento e il mantenimento di un prezzo remunerativo anche per i produttori. È questo il punto focale della vertenza aperta sulla scia delle proteste esplose in tutta l’isola nello scorso gennaio, perché dalla sostenibilità economica delle produzioni di latte e carne dipende il futuro del comparto.

Il 6 novembre lo stesso tema richiamerà in paese gli industriali, le cooperative di trasformatori, gli esponenti del Consorzio pecorino romano e la Copagri di Oristano che ha promosso un incontro per ragionare sul futuro della filiera. “Comparto lattiero-caseario: crollo o sviluppo?” è l’interrogativo sul quale dibatteranno i relatori ospitati nella torre aragonese a partire dalle 10. Ne parleranno il presidente provinciale di Copagri, Mario Putzolu, Pietro Tandeddu, il responsabile nazionale del settore ovicaprino per la confederazione di produttori agricoli, Piero Maieli, presidente della commissione Agricoltura in consiglio regionale, Pier Luigi Pinna, dello stabilimento caseario di Thiesi, Renato Illotto, della Cao di Oristano, il rappresentante della Lacesa di Bortigali Pietro Piras, Lorenzo Sanna per il caseificio Foi di Macomer, Leonardo Tilocca, vicepresidente del Consorzio Pecorino romano, Tore Piana, referente del Centro studi agricoli di Sassari, il presidente regionale di Legacoop Claudio Atzori e il sindaco Alessandro Defrassu. Tirerà le somme il presidente nazionale di Copagri, Franco Verrascina. (mac)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes