Progetti non condivisi, polemiche all’Unione dei Comuni

BUSACHI. Il sindaco di Ula Tirso Ovidio Loi si è dimesso dal consiglio d'amministrazione dell'Unione del Barigadu in aperta polemica con il presidente Giovanni Orrù. Lo strappo si è consumato sul...

BUSACHI. Il sindaco di Ula Tirso Ovidio Loi si è dimesso dal consiglio d'amministrazione dell'Unione del Barigadu in aperta polemica con il presidente Giovanni Orrù. Lo strappo si è consumato sul recupero del villaggio di Santa Chiara, riguardo al quale gli amministratori hanno visioni diametralmente opposte. Le divisioni sono emerse un mese fa in occasione della presentazione di un progetto di riconversione del sito in stato d'abbandono da decenni. L'amministrazione ulese vorrebbe realizzare una sorta di Rsa diffusa ma l'idea ha incontrato la ferma opposizione del presidente dell'Unione e primo cittadino di Busachi, che sta portando avanti un progetto simile nel suo comune e che vede per Santa Chiara un ruolo chiave nello sviluppo turistico dei paesi vicini al lago Omodeo. Le divergenze di vedute si sono rivelate insanabili e mercoledì l'assemblea dei sindaci ha dovuto prendere atto della decision e di Ovidio Loi di lasciare l'esecutivo. Nessun amministratore ha dato la disponibilità a subentrare «Ma abbiamo i numeri per deliberare», ha dichiarato il presidente Orrù. I conflitti interni non distoglieranno comunque il delegato di Ula Tirso dall'obiettivo. «È un progetto che interessa il territorio e che altri sindaci ritengono valido», ha affermato Loi, che ha minimizzato sul paventato rischio di sovrapposizione con il progetto del paese confinante.

«Non interferirebbe affatto con l'attività della struttura busachese, anzi, potrebbero operarare in sinergia formando un polo di servizi socio-assistenziali». Al progetto preliminare sul recupero di Santa Chiara sta lavorando il Cnr Italia con il benestare dell'Enel, proprietaria degli immobili. «Di fronte a un'idea condivisibile l'azienda sarebbe disposta a cedere il sito al Comune di Ula Tirso, che presto sottoporrà il progetto alla Regione», ha annunciato Ovidio Loi. In netto disaccordo Giovanni Orrù. «Il villaggio andrebbe recuperato in un'ottica di sviluppo turistico dell'Omodeo e del territorio circostante, inserito cioè in un programma che valorizzi tutte le attrattive del Barigadu. Inoltre, quello di Ula Tirso rischia di essere un doppione del progetto di Busachi», ha rilevato Orrù riferendosi alla riconversione delle elementari. «Con i fondi della programmazione territoriale realizzeremo la Casa del Dopodinoi, ma con l'obiettivo finale di trasformarla in una Rsa con 60 posti letto».

Maria Antonietta Cossu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes