La Cisl: «Manca il personale, laboratori analisi al collasso»

ORISTANO. Mancano medici, infermieri e operatori socio sanitari in tutti gli ospedali dell’Assl e ora, la Cisl interviene per chiedere soluzioni immediate a quella che definisce «una gravissima...

ORISTANO. Mancano medici, infermieri e operatori socio sanitari in tutti gli ospedali dell’Assl e ora, la Cisl interviene per chiedere soluzioni immediate a quella che definisce «una gravissima emergenza». Il segretario territoriale della Funzione pubblica, Salvatore Seoni, ha inviato una nota al commissario straordinario dell’Ats e ai direttori dell’Assl e dell’ospedale. «Al san Martino la mancanza di personale ha posto diversi reparti in gravissima emergenza, con difficoltà ad organizzare e garantire in maniera adeguata i turni, nonostante l’impegno e la qualità dei professionisti che ci lavorano», denuncia il sindacalista.

Il vero problema è che la situazione dell’ospedale «non è temporanea, ma costituisce un dato strutturale che si trascina da diverso tempo. In diversi reparti si vive un estremo disagio, con gli operatori e professionisti sanitari giornalmente impegnati in un lavoro estenuante e di grande intensità, i quali stanno palesando forti difficoltà a gestire una situazione che sentono ormai prossima al collasso, malgrado la grande dose di competenza e senso di responsabilità», prosegue la nota che poi segnala notevoli problemi anche nei laboratori di analisi degli ospedali di Oristano, Ghilarza e Bosa «che di conseguenza sono stati ridimensionati notevolmente nelle loro attività, con gravissimi disagi per i cittadini della provincia».

La Cisl prende in esame anche il problema delle lunghe liste d’attesa per le visite specialistiche, per gli esami diagnostici e gli interventi chirurgici: «In queste condizioni, spesso i cittadini sono costretti a rivolgersi ad altre strutture sanitarie o al privato per visite ed esami, se non addirittura per interventi chirurgici, pagando di tasca propria».

Michela Cuccu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes