Sant’Ignazio, via alla festa dimezzata

Laconi, in arrivo i primi pellegrini per i riti religiosi. Pochissime le iniziative civili

LACONI. Celebrazioni in onore di Sant’Ignazio all’insegna della fede e della tradizione, nel più rigoroso rispetto delle regole anticontagio. Regole che ormai tutti conoscono e che dovranno essere seguite con più attenzione in questi giorni di maggiore afflusso di visitatori. A partire da domani è previsto, infatti, l’arrivo dei pellegrini dai paesi vicini nella giornata a loro dedicata e che inaugura la settimana in onore del Santo più venerato dai sardi.

Come negli anni passati, non mancano gli appuntamenti di preghiera rivolti ai malati e alle famiglie. Domenica, nel corso della celebrazione della messa delle 17, le famiglie rinnoveranno le loro promesse matrimoniali. Confermata anche la consueta cerimonia del 29 agosto, data impressa e indelebile nella memoria collettiva laconese, con la commemorazione degli aviatori caduti nel 1985 durante un intervento di spegnimento di un incendio nelle campagne del paese. Alle 17, nella località Is Forros, sarà celebrata la messa di suffragio e subito dopo a Laconi, al monumento di piazza 29 agosto la sindaca deporrà una corona d’alloro.

Particolare attenzione è rivolta alla processione del 31 agosto con il simulacro del Santo per le vie del paese accompagnato dai gruppi folk, dalle confraternite e dai cavalieri. Evento atteso da mesi dai devoti, soprattutto dopo la cancellazione della festa dell’11 maggio scorso, il dies natalis di Sant’Ignazio. Per una più puntuale organizzazione, che tenga conto del numero dei partecipanti, la parrocchia ha diramato un avviso rivolto ai gruppi folk che intendano partecipare alla processione, invitandoli a prenotarsi dando comunicazione in parrocchia entro lunedì 24.

Per quanto riguarda i festeggiamenti civili, anche se solo a titolo di simbolica devozione in onore del Santo, l’amministrazione comunale ha organizzato una serata musicale con i Tazenda in programma il 30 agosto nell’anfiteatro comunale. Anche in questo caso l’organizzazione dell’evento prevede modalità che, nel massimo rispetto delle normative anticontagio, quindi attraverso sanificazione, utilizzo di mascherine, posti limitati, ingressi separati, controlli del numero dei presenti e altre misure necessarie, garantiscano la tutela della salute.

Sempre per evitare assembramenti, come normalmente accade in occasione di feste e sagre, non è stata concessa la disponibilità degli spazi di suolo pubblico ai venditori ambulanti e per l’allestimento di spettacoli itineranti.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes