Titulos cerca nuovi fondi comunitari

Si rinnova l’alleanza tra i sette centri, siti importanti del Regno di Sardegna

SEDILO. Quattordici anni dopo la prima esperienza sette paesi rinnovano l'alleanza in nome della comune storia giudicale. Sedilo, Cuglieri, Laconi, Orani, Mandas, Villasor e Sanluri rifondano la rete Titulos, l'itinerario delle grandi sedi feudali della Sardegna istituito nel 2007.

Il nuovo accordo di programma sarà sottoscritto il 9 marzo nel castello di Sanluri dopo essere stato approvato dai consigli comunali dei centri coinvolti. Ieri è toccato all’amministrazione di Sedilo.

Con la municipalità di Mandas alla cabina di regia, il partenariato istituzionale lavorerà alla stesura di un piano integrato di interventi di sviluppo sostenibile finalizzato a dare risalto al patrimonio culturale fondato sulla storia dei ducati, marchesati, contee e viscontadi dell'antico Regno di Sardegna. Il lavoro di rete sarà fondamentale anche per avere maggiori possibilità di accedere ai fondi regionali ed europei destinati ai programmi sulla valorizzazione della cultura e della storia dei territori. L'azione congiunta delle sette amministrazioni locali si concretizzerà nel recupero architettonico e nella conservazione dei centri storici e dei monumenti di particolare pregio, nel risanamento di siti d'interesse culturale e ambientale, nella diffusione della conoscenza dei contesti storici, economici e culturali dei paesi coinvolti, nella condivisione e nell'attuazione dei progetti con altre realtà europee accomunate dalle stesse vicende storiche della Sardegna del periodo compreso tra il XVI e il XVIII secolo. In agenda c'è anche la creazione di un itinerario turistico che attraversi le realtà urbane e territoriali creando un percorso omogeneo, caratterizzato, cioè, da elementi che richiamino la storia della società feudale. L'accordo ispirato alle terre dei feudatari durerà almeno cinque anni e il partenariato sarà aperto all'ingresso di altri soggetti pubblici o partner privati che si facciano promotori della realtà culturale, economica, sociale e turistica. La prima volta con Titulos il comune di Sedilo aveva puntato sul percorso urbano dell'Ardia. In questa nuova fase l'attenzione si concentrerà sul centro storico ed, eventualmente, sulla ristrutturazione di qualche casa antica.

Maria Antonietta Cossu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes