Samugheo, 77 casi scoperti nuove misure restrittive

Appello del sindaco Basilio Patta: «Dobbiamo fare ancora di più» Continua sino a venerdì lo screening dell’intera popolazione residente

ORISTANO. Mentre nel capoluogo si registrano quattro nuovi contagi, con un trend in salita rispetto alla settimana trascorsa, a Samugheo ieri è stata un'altra giornata campale, segnata purtroppo da una ulteriore elevcata crescita dei casi, che a ieri sera sono arrivati a 77. La Assl per cercare di capire l’estensione del focolaio, ha deciso di sostituire i test antigenici con i tamponi molecolari, gli unici in grado di rilevare la mutazione da possibile variante inglese, la più contagiosa e facilmente trasmissibile. La campagna di ieri ha coinvolto 350 cittadini e a partire dalle prossime ore si avranno le prime evidenze della situazione sanitaria su una platea anagraficamente molto eterogenea. Tra i positivi anche una donna di circa 65 anni ricoverata all'ospedale Covid di Cagliari. I test riprenderanno oggi e proseguiranno almeno fino a venerdì.

«Vediamo quale dato emergerà, mi aspetto un numero di casi fisiologico ma spero comunque molto contenuto», ha dichiarato ieri il sindaco Basilio Patta riservandosi di valutare la situazione e modificare eventualmente qualcosa nella gestione dell'emergenza alla fine di questa tre giorni di tamponi. «Se il numero delle positività sarà elevato allora interverremo in maniera mirata con ulteriori altre misure restrittive. Tuttavia sono convinto che l'arma più efficace, in attesa di raggiungere una copertura totale con le immunizzazioni, siano i comportamenti prudenziali di ciascuno di noi, il rispetto dei protocolli che conosciamo, l'uso della mascherina, il distanziamento e il fatto di stare a casa il più possibile. Solo adottando comportamenti giudiziosi ci possiamo difendere e raggiungere risultati migliori in meno tempo», ha affermato il primo cittadino. Anche la Chiesa prova a ridurre per quanto possibile le occasioni di contagio. In vista della Settimana Santa i posti in chiesa sono stati ridotti dai 150 compatibili con le disposizioni nazionali a 60, così da garantire un distanziamento di due metri.

«Una misura condivisa con il Comune nell'ottica di prevenire nuovi contagi e allo stesso tempo di dare comunque ai fedeli la possibilità di partecipare alle ricorrenze più importanti della fede cristiana», ha spiegato don Diego Tendas, che per raggiungere l'intera comunità ecclesiale trasmetterà sul canale You Tube della parrocchia le celebrazioni del triduo pasquale, dalla Coena Domini di giovedì alla messa solenne di domenica.

Proseguono intanto oggi le vaccinazioni in provincia per gli over 80. Oggi l’unità mobile della Assl sarà a Ghilarza, Gonnoscodina, Simala, Siris, Pompu, Baradili, Suni, Tinnura; domani farà tappa a Abbasanta, Laconi, Cuglieri; venerdì sarà a Sedilo, Morgongiori, Villaurbana.

Maria Antonietta Cossu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes