Sei clienti al bar, multa per loro e per il gestore

Interviene la polizia che ha chiuso il locale. Negozi del centro aperti anche oggi prima della serrata

ORISTANO. È vietato, anzi vietatissimo eppure c’è chi non si vuole arrendere e non si fa spaventare dalla retrocessione della Sardegna in zona rossa e dall’impennata dei contagi. Anche in zona arancione, peraltro, il divieto di consumare all’interno di bar e locali pubblici era in vigore, ma dentro uno di questi – non è stata fornita l’indicazione per identificare il locale –, oltre al titolare c’erano anche i clienti, tutti accomodati a consumare bevande. Passava però di lì una pattuglia della polizia che ha notato quanto stava accadendo. Il personale della Squadra amministrativa è quindi intervenuto e ha sanzionato i sei avventori più il titolare dell’esercizio pubblico, tutti colpevoli di aver violato normative contro la diffusione dei contagi.

Secondo il rapporto stavano consumando tranquillamente le bevande al bancone all’interno dell’esercizio pubblico, attività per l’appunto vietata in zona arancione, dal momento che è consentita la sola vendita da asporto. Per i sei clienti è scattata la sanzione amministrativa di 400 euro, multa che dovrà pagare anche il titolare il quale però ora avrà una gatta da pelare in più, dal momento che la sanzione nei suoi confronti prevede anche la chiusura dell’attività per cinque giorni.

Intanto, ieri mattina in prefettura si è riunito il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, dove si è deciso di alzare l’asticella dei controlli per limitare il diffondersi dei contagi, tanto che oltre a polizia, carabinieri, forestale, guardia di finanza vi prenderanno parte anche gli uomini della Capitaneria. I luoghi su cui maggiormente sarà puntato l’obiettivo saranno il centro città, i litorali, i novenari e le strade con maggiore percorrenza.

Si vuole evitare che si ripetano gli assembramenti e gli incontri pericolosi delle ultime settimane che hanno rifatto esplodere i contagi e che costringeranno molte attività commerciali alla chiusura sin da domani. Per questo motivo oggi, molti tra i commercianti del centro storico, dopo un passaparola, hanno deciso di sollevare le serrande nella speranza di tamponare le perdite che inevitabilmente arriveranno con la serrata che durerà due settimane. Si spera che oggi, ultima giornata in cui lo shopping è possibile, l’incasso sia per lo meno soddisfacente.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes