Elezioni Sardegna, dati errati negli exit poll: il caso in Parlamento

Gianni Marilotti

Il senatore 5Stelle Gianni Marilotti ha presentato un'interrogazione sulla scelta della Rai

CAGLIARI. Approda in Parlamento il caso degli exit poll commissionati dalla Rai al Consorzio Opinio in occasione delle recenti elezioni regionali in Sardegna. In una interrogazione presentata ieri 6 marzo di cui è primo firmatario il senatore del Movimento 5 Stelle Gianni Marilotti e rivolta al presidente e all'amministratore delegato della Rai, si chiede se nel contratto stipulato tra la tv pubblica e il Consorzio Opinio sia prevista una clausola sulla qualità del servizio erogato, se non si ravvisino violazioni contrattuali e se contrattualmente sia stata prevista una clausola di recesso in caso di errori.

«Il dato proposto per quel che riguardava i candidati a presidente, ben lontano dallo scostamento massimo del 3% diffuso dallo stesso Consorzio Opinio, si è rivelato infatti totalmente errato - spiega Marilotti - Da quando esiste l'elezione diretta del presidente della Regione Sardegna non si era mai verificato, come nelle presenti elezioni, un distacco così significativo tra il primo ed il secondo candidato (15 per cento a favore del primo, oltre 110.000 voti in più), mentre gli exit poll prevedevano un testa a testa».

Per Marilotti «questo ha generato una evidente distorsione del dibattito pubblico, sia nel corso della serata che, considerato anche il ritardo nell'arrivo dei dati reali, per buona parte della mattinata della giornata successiva, incidendo anche sull'orientamento dei titoli di tutti i giornali in edicola nella giornata del 25 febbraio»

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes