Aras in sciopero a oltranza, oggi nuovo sit-in

Confederdia a Laore: «Diteci cosa sta bloccando i bandi di concorso per la stabilizzazione dei tecnici»

CAGLIARI. Dopo la proclamazione dello sciopero a oltranza, in vigore da ieri, una nuova manifestazione dei dipendenti Aras è stata organizzata per questa mattina (dalle 10 alle 14) nella sede generale di Laore, in viale Caprera, a Cagliari. Laore è l’ente nel quale, per legge, dovranno essere assorbiti previo concorso i 252 lavoratori dell’associazione, veterinari e agronomi che si occupano di assistenza alla zootecnia. Ma i bandi sono bloccati per non meglio precisati motivi.

«Una delegazione dei dipendenti – spiega Osvaldo Ibba, segretario regionale di Confederdia – chiede di essere ricevuta dal direttore generale Maria Ibba, cui verrà chiesto di spiegare quali siano le criticità che impediscono la pubblicazione dei bandi di concorso previsti». Eppure a metà gennaio gli assessori regionali Spanu e Caria annunciavano: «L'obiettivo è quello di dare avvio alle previste procedure selettive entro i primi dieci giorni di marzo». Ebbene, marzo sta per finire e di quel clima improntato all’ottimismo non c’è più traccia.

Qualche giorno fa la nuova protesta sotto l’assessorato al Bilancio, quindi la decisione di ritornare a scioperare a oltranza sino all’indizione dei bandi di concorso. «Il mancato rispetto del cronoprogramma che stabilisce la tempistica della stabilizzazione, secondo i dettami della legge regionale 47/2018, peraltro fortemente voluta da tutte le forze politiche, crea sconcerto negli stessi lavoratori, già fortemente provati dalla mancata corresponsione delle retribuzioni pregresse – dice il documento del sindacato – Naturale conseguenza è la ripresa dello stato di agitazione con l'inevitabile ricorso allo sciopero a oltranza giustificato dalla necessità di dare immediata visibilità a una situazione risolvibile in tempi rapidissimi. Nel nostro agire, dettato dalla consapevolezza che rischiamo di perdere a breve il nostro posto di lavoro, non lasciamo spazio a sterili polemiche, ma con atteggiamento costruttivo chiediamo di essere aiutati a capire per poi eventualmente stimolare la nuova giunta ad apportare gli eventuali correttivi indispensabili per la doverosa e imprescindibile applicazione della legge 47». (a.palmas)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes