Regione e cacciatori alleati contro il fuoco, Solinas: 40mila "vedette" sono una risorsa

Il presidente ha sottolineato la "discontinuità col passato"

CAGLIARI. Riconoscimento ufficiale in Sardegna dell'impegno profuso dalle associazioni venatorie nella lotta agli incendi. È stato infatti firmato a Villa Devoto un protocollo tra Regione, direzioni generali del Corpo forestale, Protezione civile e cacciatori per aumentare le attività di prevenzione attraverso una collaborazione costante tra i soggetti formati dell'intesa: dall'avvistamento di roghi da postazioni fisse alla ricognizione del territorio sino all'allarme al numero di emergenza 1515.

Le associazioni venatorie mettono a disposizione una rete capillare di associati, circa 40mila in tutta l'Isola e principali conoscitori del territorio. «Questo protocollo segna una discontinuità forte rispetto al passato - sottolinea il governatore Christian Solinas dopo la firma - nei cacciatori vediamo una grande risorsa anche nell'ambito della lotta agli incendi: 40mila doppiette divise in 200 organizzazioni autogestite rappresentano un presidio molto articolato».

Per l'assessore dell'Ambiente Gianni Lampis, si tratta di «una tappa di collaborazione con tutti coloro che possono contribuire a prevenire un problema diventato la priorità per la politica regionale». «Finalmente è stato istituzionalizzato un ruolo che abbiamo sempre svolto», commenta il presidente di Federcaccia Davide Bacciu.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes