Caccia, si spara dal 22 settembre

Approvato il calendario venatorio: pre-apertura alla tortora l’1 e il 5

CAGLIARI. E ora i patiti delle doppiette conoscono le date in cui potranno esercitare la loro passione. Il calendario venatorio 2019-2020 è stato approvato ieri dal comitato regionale faunistico convocato dall'assessore dell'ambiente Gianni Lampis. Prevede una pre-apertura il 1° e il 5 settembre per la caccia alla tortora, mentre l'avvio ufficiale è stato fissato domenica 22 settembre: si sparerà sino al 9 febbraio del 2020. Le date cambiano a seconda delle specie interessate. Così, sino al 29 dicembre si potranno cacciare il coniglio, il merlo e la quaglia; il beccacino, il frullino, la pavoncella e le anatidi sino al 30 gennaio; alzavola, canapiglia, codone, fischione, folaga, gallinella d'acqua, germano reale Marzaiola, mestolone, moriglione, porciglione, colombaccio dal 29 settembre al 9 febbraio 2020, con il cane da riporto.

La caccia alla volpe sarà aperta il 3 ottobre, dal 3 novembre anche con il sistema della battuta con un carniere massimo di 3 capi per cacciatore e 20 per la compagnia. Per l'allodola il calendario prevede l'attività dal 3 ottobre al 20 dicembre; dal 3 ottobre al 26 gennaio per la beccaccia e dal 3 ottobre al 30 gennaio per tordi e cesena. Il 3 novembre al via anche la caccia al cinghiale: si spara domenica e giovedì con un massimo di 5 capi per ogni 5 fucili o frazione di cinque e 40 capi per compagnia di caccia.

Per quanto riguarda la lepre e la pernice, sono state confermate tendenzialmente le giornate del 6 e 20 ottobre, ma per conoscere i carnieri bisognerà attendere l'esito dei censimenti (svolti in maniera capillare anche sul territorio libero, contrariamente a quanto avveniva in passato,«ringrazio per questa ragione le strutture del corpo forestale e dell’Agenzia Forestas per questa grande condivisione dell’indirizzo politico che io ho voluto dare», dice Lampis), che saranno comunicati nella prossima riunione di Comitato regionale faunistico, probabilmente destinata a tenersi il 30 settembre prossimo. Negli ultimi anni i ricorsi degli ambientalisti sono sempre riusciti a bloccare le doppiette riguardo a queste ultime due specie, da vedere se le associazioni hanno ancora margini per riuscire ancora a preservarle.

L'assessore Gianni Lampis ha sottolineato che «non si può non rilevare una discontinuità rispetto al passato, anche nei leali rapporti di collaborazione con le diverse associazioni venatorie.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes