Piano casa impugnato: "Effetti devastanti per le campagne e condono edilizio"

Le anticipazioni delle motivazioni del ricorso del Governo contro la Regione sulla legge approvata a gennaio. Botta e risposta fra l'assessore Sanna (Psdaz) e il deputato Perantoni (M5S)

CAGLIARI. Fra i temi che la Coalizione di centrodestra che governa la Regione deve affrontare al più presto, ma per ora il vertice è slittato causa Covid, è il Piano casa appena impugnato dal Governo. Le anticipazione parlano di ben 21 articoli contestati dell'impianto normativo.

In buona sostanza, secondo le anticipazioni dell'Agenzia Italia (Agi), ripresa da diversi quotidiani nazionali, le obiezioni del Governo vanno a minare gran parte dei 31 articoli in cui si sviluppa la legge approvata nel gennaio scorso, fra contestazioni e critiche sempre dure delle minoranze composte da Progressisti e Cinquestelle, oltre che dagli ambientalisti.

Il ricorso, che è stato presentato venerdì scorso,   arriva a chiudere il "dibattito" aperto fra il ministero dell'ambiente che aveva inviato delle osservazioni dopo aver esaminato la legge, e le controdeduzioni della Regione Sardegna che sostanzialmente respingevano gli appunti avanzati dal ministero stesso.

Le motivazioni del ricorso alla Consulta non sono state ancora presentate ma, sempre stando alle anticipazioni dell'Agi, andrebbe a minare alle basi l'impianto normativo costruito dopo un lungo dibattito dalla compagine che governa la Regione Sardegna, concedendo sproporzionate cubature, esponendo in particolare le campagne a gravi conseguenze ambientali e, ancora, aprendo a un mascherato "condono edilizio".

Sull'impugnazione si è già accesa la battaglia, visto che sul suo profilo Facebook l'assessore agli enti locali Quirico Sanna ha scritto che "Parleremo quando vedremo le motivazioni ... per il momento voglio ricordare che la legge rimane in vigore e produce effetti legittimi fino a quando una sentenza, della Corte costituzionale, stabilisca che la legge è incostituzionale". Una presa di posizione che ha scatenato la reazione dell'onorevole Cinquestelle Mario Perantoni, presidente della Commissione giustizia della Camera: "Questo atteggiamento _ sottolinea in una nota stampa _ ci costringe ad appellarci alla Consulta perché in via cautelare sospenda gli effetti del Piano casa sardo che, se attuato, provocherebbero danni gravi e irreparabili agli interessi pubblici e privati".

 

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes