Cervelli dell’ateneo in gara, via al bando Start Cup 2015

Ritorna la competizione dedicata ai progetti imprenditoriali più innovativi Tre gli obiettivi: creare aziende, mettere in luce i talenti e la ricerca applicata

SASSARI. Dopo il successo della finalissima nazionale svoltasi proprio qui in città lo scorso dicembre, i cervelli più innovativi dell’ ateneo sassarese si preparano ancora una volta a dare battaglia ai loro colleghi della Penisola presentando davanti a una giuria le proprie idee imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico. In poche parole, ritorna la Start Cup Sardegna, arrivata ormai all’ottava edizione. Per partecipare c'è tempo fino all’11 giugno: il bando sarà pubblicato sul sito “www.startcupsardegna.it” a partire da lunedì prossimo. Possono partecipare alla Start Cup Sardegna sia idee di business collegate al mondo della ricerca che provenienti da soggetti esterni alle università, presentati da gruppi composti da almeno due persone. Ma anche le imprese in forma di società, purché non costituite prima del primo gennaio 2015. «La Start Cup - spiegano gli organizzatori - è una competizione nazionale presente in Sardegna dal 2008, grazie alla collaborazione fra gli uffici di Trasferimento tecnologico delle Università di Sassari e di Cagliari. Un’iniziativa di successo che nelle sette edizioni precedenti ha raccolto 225 idee di business, 53 business plan (10 nel 2014) e distribuito premi per 88mila euro, coinvolgendo più di 730 aspiranti imprenditori, erogando oltre 120 ore di formazione alla cultura di impresa ed al trasferimento tecnologico, contribuendo alla costituzione undici nuove imprese.

Quella di quest’anno sarà un'edizione particolarmente sentita, poiché è vivo ancora il ricordo della finalissima nazionale del concorso tenutasi a Sassari appena tre mesi fa in una due giorni ricca di eventi che ha ottenuto grande partecipazione grazie alla qualità e alla carica innovativa delle idee in gara. In finale si sono sfidati i 58 progetti vincitori delle 15 finali regionali provenienti da oltre 49 atenei italiani, il Cnr e l'Istituto italiano di tecnologia.

"La Start Cup - dice il rettore Massimo Carpinelli - è un’azione a cui tengo tantissimo ed è anche una delle iniziative di maggior successo e qualità del nostro ateneo. Le gare mi piacciono, in questo caso so anche che potremo competere ad alto livello e ottenere nuovi risultati dato che le eccellenze della ricerca dell'università sono numerose e crediamo fortemente nelle potenzialità e nella creatività dei nostri giovani».

Apprezzamento per l’inziativa anche da parte del rappresentante di Confindustia Nord Sardegna e del sindaco di Sassari Nicola Sanna. «C’è davvero la convinzione da parte degli enti locali e delle imprese di puntare sui progetti innovativi», ha detto il primo cittadino.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes