Sit-in per il trasferimento di un infermiere sindacalista

SASSARI. Ieri mattina si è tenuto un sit-in davanti al palazzo rosa della Asl organizzato dal sindacato degli infermieri Nursind per protestare contro il trasferimento di un collega sindacalista ed...

SASSARI. Ieri mattina si è tenuto un sit-in davanti al palazzo rosa della Asl organizzato dal sindacato degli infermieri Nursind per protestare contro il trasferimento di un collega sindacalista ed eletto nelle recenti consultazioni per il rinnovo della Rsu dalla Centrale operativa del 118 al Centro ustioni. I colleghi del sindacato si sono presentati alla manifestazione con un provocatorio cartello al collo con su scritto “Je suis Andrea” a ricordare la battaglia per la libertà dopo l’attentato di Parigi. La loro battaglia, non certo, paragonabile, è descritta in un comunicato: «In questo contesto, come caso esemplare, denunciamo l’abuso delle proprie funzioni esercitato dal commissario Sussarellu e dai suoi collaboratori sanitario e amministrativo, Zedda e Marras, che non trovando in Asl pratiche più urgenti da espletare dal loro recente insediamento, si prestano alla firma di un trasferimento di un infermiere (dirigente sindacale) del 118, dietro richiesta del responsabile Piero Delogu. L’aver segnalato a più riprese casi di gestione lesiva dei diritti dei lavoratori nell’unità operativa, con fatti talmente eclatanti da dover essere discussi da tutte le sigle in apposite sedute con l’azienda, aveva già portato allo spostamento del sindacalista dalla centrale operativa alle auto mediche e il legale incaricato di avviare il procedimento a tutela, attende da mesi le motivazioni scritte del provvedimento». Un documento di solidarietà è stato redatto dalla Cisl-Fp: «Fatti come quelli denunciati da Nursind irrompono in quelle che sarebbero dovute essere, d’ora in avanti, corrette relazioni sindacali». La direzione della Asl al momento ha ritenuto di non replicare.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes