Asl, maxi appalti e sprechi sotto inchiesta

Sotto la lente d'ingrandimento della guardia di finanza una decina di servizi affidati in proroga da oltre tre anni per un valore di circa 50 milioni di euro. Agenti al lavoro da una settimana negli uffici dell'azienda sanitaria

SASSARI. La gestione degli appalti Asl dal 2012 al 2014 da una settimana è sotto la lente degli uomini della guardia di Finanza. Il materiale da passare ai raggi x è sterminato, si parla di oltre una decina di gare e servizi che si trascinano negli anni in regime di proroga, contro ogni legge e contro ogni logica.

In ballo ci sono circa 50 milioni di euro che la sanità ha speso in una manciata di anni, e uno spreco di soldi pubblici da capogiro.

L’indagine è ancora agli inizi. Al vaglio degli inquirenti tutta l’attività che è passata sotto la firma dei manager Serafin, Frulio, Seazzu e del direttore generale Giannico. I conti non tornanerebbero. Non è chiaro il motivo per cui una serie di appalti strategici siano scaduti da 3 o 4 anni e lo staff tecnico scelto dall’Asl non abbia mai proceduto a bandire nuove gare.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes