Sassari, seggio trasferito da Biancareddu a Palmadula: gli abitanti non votano

La protesta per la decisione del sindaco di lasciare i locali giudicati fatiscenti

SASSARI. Gli abitanti della borgata di Biancareddu, a Sassari, hanno riconsegnato le schede all'ufficio elettorale del Comune per protestare contro il trasferimento del seggio dalla loro borgata in quello della vicina Palmadula. Un trasferimento che ha costretto gli elettori a spostarsi di qualche chilometro nella Nurra per esercitare il diritto di voto.

Questa mattina 24 febbraio due donne in rappresentanza dei circa cento residenti di Biancareddu si sono presentate all'ufficio elettorale del Comune, in piazza Santa Caterina, con in mano una sessantina di schede che avrebbero voluto depositare negli uffici, in segno di protesta. Gli impiegati del Comune hanno verbalizzato l'episodio ma hanno restituito le schede alle due donne, non essendo loro autorizzati a prenderle in consegna.

La sezione elettorale di Biancareddu, la 123, che aveva sede in piazza San Paolo, è stata spostata un paio di settimane fa su disposizione del sindaco, a Palmadula, in piazza dell'Assunta. Il trasferimento è stato deciso perché i locali che avrebbero dovuto ospitare la sezione 123 a Biancareddu sono in condizioni fatiscenti e non ci sono garanzie di sicurezza. Il Comune ha anche messo a disposizione un bus dell'Atp per il trasporto gratuito degli elettori fino al seggio, con sei corse in sei orari diversi, andata e ritorno, fino a Palmadula.

I residenti di Biancareddu non hanno comunque gradito, e alle 19 l'affluenza degli elettori nella sezione 123 era del 19%, con solo 28 votanti sui 145 iscritti.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes