Sala prove per le band alla scuola civica di musica

L’amministrazione comunale ha annunciato la pubblicazione del nuovo bando Per il centro già spesi 170mila euro ma il servizio non è mai entrato in funzione

PORTO TORRES. «La gestione della sala musica del Centro di aggregazione giovanile sarà inserita nel bando delle scuola civica di musica, che sarà pubblicato a breve, in modo che la strumentazione possa essere affidata a professionalità adeguate».

Così l’assessora alle Politiche sociali Rosella Nuvoli, nell’ultima seduta di consiglio comunale, in risposta all’interpellanza presentata dal consigliere Davide Tellini sulla mancata apertura delle sale che si trovano al piano terra della Casa delle associazioni.

La struttura era stata finanziata diversi anni fa dalla Regione con una somma 170mila euro - per allestire uno spazio dedicato ai musicisti e ai giovani attraverso l’utilizzo della sala d’incisione e della sala internet – e non è mai entrata in funzione venendo quindi meno alle finalità previste dal finanziamento. L’ultima comunicazione dell’amministrazione risale al febbraio scorso, e spiegava che il ritardo negli ultimi due anni delle procedure in capo agli uffici delle Politiche sociali non aveva consentito alla struttura comunale di elaborare una gara d'appalto per la gestione.

«L’idea dei mesi scorsi era quella di affidare la gestione della sala musica, della sala registrazione e della sala computer ad un partenariato di associazioni – ha aggiunto l’assessora –, che avrebbero potuto far rivivere la struttura favorendo la partecipazione dei giovani alle attività musicali e creative». Nella fase successiva, però, l’esecutivo pentastellato ha preferito affidarsi ad un altra soluzione alternativa per smuovere una situazione che è ferma in effetti da oltre quattro anni. Ha dunque avviato delle interlocuzioni con la direzione della scuola civica, per inserire soprattutto la sala musica nel bando che dovrà essere predisposto entro questo mese.

«La sala registrazione – precisa l’esponente della giunta – sarà naturalmente aperta a tutti i giovani musicisti che ne vorranno usufruire e anche a quelli iscritti alla scuola civica di musica, mentre per quanto riguarda le altre sale gli uffici comunali sono già al lavoro: verranno date in gestione alla Consulta del volontariato e saranno aperte alle associazioni sociali e culturali». Il consigliere Tellini ha evidenziato, dopo la risposta dell’assessora, che la tempistica del bando per l’affidamento della gestione del Centro è avvenuta in forte ritardo: «Mi auguro comunque che il bando possa essere pubblicato quanto prima e che la città possa rientrare in possesso di un bene costato 170mila euro». L’auspicio è che i tanti ragazzi portotorresi con la passione per la musica, come sottolineato dal consigliere Costantino Ligas, possano finalmente esprimere il proprio talento nella sala pronta da tempo e mai aperta.



WsStaticBoxes WsStaticBoxes