Droga a Sassari dalla Malesia e dall'Olanda, in cella 39 persone

I carabinieri impegnati nell'esecuzione degli arresti a Sassari (foto Ivan Nuvoli)

Anche due interpreti sarebbero coinvolti nel giro internazionale

SASSARI. L'inchiesta della Procura di Sassari di fatto è cominciata in Malesia. Quando nell'aeroporto internazionale di Kuala Lumpur venne bloccato un pacco contenente droga e destinato all'Italia. Trentanove persone sono state arrestate in queste ore dai carabinieri in tutta Italia sotto il coordinamento del comando provinciale di Sassari. Tra questi 39 ci sono anche due interpreti, tra i 9 latitanti c'è il personaggio di spicco che aveva i contatti internazionali e di fatto "dirigeva" il traffico. Il giro d'affari era grosso, in Italia e a Sassari e provincia in particolare, ogni mese arrivavano almeno 10 chili tra cocaina ed eroina, la droga aveva varie provenienze, ma soprattutto veniva dall'Olanda e dalla Malesia. Le misure cautelari del Gip di Sassari, chieste dal pm, sono state eseguite nei confronti dei sassaresi Gavino Pinna Gavino, 29enne, e Stefania Ruggiu, 35enne, e dei nigeriani Okam Maxwell Chidubem, 30 anni, Aitiegbemhin Imiereniyen Budex, 34 anni, Chosen Daniel, 36 anni, John Harrison, 29 anni, Osemwegie Newton, 27 anni, Ihenyen Donald Samuel, 31 anni, Ojo Beauty, 40 anni, Oghagpon Henry, 30 anni, Ndiaye Omar, 42 anni, Albert Denilson, 28 anni, Idahosa Joseph, 28. Agli arresti domiciliari sono invece stati ristretti i nigeriani Okeke Chike, 39 anni, Agidi Chuks 26 anni, Ogika Afamefuna, 30 anni, John Osasere, 29, Julius Precious, 28,, Eriaremhen Osabhohien Osas, 29, Njenje Bright, 26, Edobor Dennis Ramsey, 39, Eghauba Richard, 28, Omomia Charles, 27, Udubrah Dickson, 34, Ehiamentalor Clement, 38, Charls Faith, 35, Ehinomen Francis, 22, Isibor Sunny, 32, Oakhere Loveth, 27 Azamegbe Luvin, 25. I restanti 9 indagati, al momento, sono irreperibili e ricercati sia in Italia che nei paesi dell’Unione europea.

Le accuse sono di produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti in concorso, aggravati e continuati, l'inchiesta è stata condotta dal sostituto procuratore Giovanni Porcheddu e dal procuratore capo Gianni Caria. L'operazione di stamani 10 luglio è stata gestita dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Sassari, con i colleghi dei comandi provinciali di Sassari, Cagliari, Caserta, Latina, Parma, Torino, Alessandria, del Nucleo Cinofili e dello Squadrone Eliportato “Cacciatori Sardegna”. Con loro ha operato il personale del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, anche con l’ausilio di unità aeree del 10° Nucleo Elicotteri di Olbia-Venafiorita. Il blitz si è esteso a varie città europee e del territorio nazionale

Droga nel centro di Sassari, sgominata una banda sardo-senegalese

WsStaticBoxes WsStaticBoxes