«Nella futura Città metropolitana Porto Torres sia rappresentata»

PORTO TORRES. «Nella futura trasformazione da Rete metropolitana del Nord Sardegna in Città metropolitana di Sassari siano fatti salvi i diritti e gli interessi di Porto Torres ad avere un controllo...

PORTO TORRES. «Nella futura trasformazione da Rete metropolitana del Nord Sardegna in Città metropolitana di Sassari siano fatti salvi i diritti e gli interessi di Porto Torres ad avere un controllo sul porto ed una rappresentanza diretta con la nomina di un proprio delegato». Lo chiedono otto consiglieri pentastellati (Carlo Marongiu, Antonia Demelas, Andrea Falchi, Raffaele Donadio, Samuela Falchi, Giuliano Velluto, Sara Cappellini e Francesco Tolu) con una mozione indirizzata al sindaco Sean Wheeler, per fare valere questi diritti presso il presidente della Regione. «Chiediamo che nella costituenda legge la nomina del rappresentante della Città metropolitana di Sassari sia in capo al sindaco della città in cui ricade il porto – aggiungono – o in subordine che la nomina del rappresentante dello stesso organismo (da parte del sindaco della Città metropolitana) in seno all'Autorità di sistema portuale sia fatta in accordo col sindaco di Porto Torres, in quanto città sede del porto. Nel caso che la nuova legge nazionale preveda che sindaci possano partecipare direttamente nei comitati di gestione, questi sia inequivocabilmente il sindaco di Porto Torres». (g.m.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes