Sassari, la denuncia di un autista Atp: «Mi hanno aggredito in tre»

L’episodio a bordo del bus, indaga la polizia locale. Una donna del gruppo: eravamo senza biglietto ma nessuna violenza

SASSARI. Per scoprire realmente come si sono svolti i fatti bisognerà esaminare le immagini registrate dalle telecamere. Per il momento restano in piedi le due versioni: quella dell’autista dell’Atp che ha dato l’allarme denunciando l’aggressione da parte di un gruppo di extracomunitari saliti a bordo denza biglietto, e l’altra degli utenti che invece - pur confermando di essere saliti privi del ticket - hanno raccontato di essere stati insultati.

Sull’episodio (cominciato nella zona di piazzale Segni) stanno svolgendo le indagini gli agenti della polizia locale che - tra l’altro - sono intervenuti tempestivamente, in meno di un minuto dopo che è partita la richiesta di intervento da parte dell’operatore della centrale operativa dell’Azienda trasporti pubblici.

Il fatto risale alla giornata di martedì. La richiesta di soccorso è stata motivata con la necessità di “intervento urgente per autista aggredito da 7 extracomunitari” a seguito di un alterco a bordo del bus. Quando gli agenti sono arrivati, hanno identificato il conducente del mezzo pubblico e sul posto sono state anche identificate due donne di nazionalità nigeriana.

«Quelli che mi hanno aggredito erano in tre – ha dichiarato l’autista – un uomo e due donne, con loro c’era anche un bambino».

La polizia locale ha avviato le indagini e poco dopo, in via De Gasperi, nella parte bassa, vicino alla Conad, ha intercettato le tre persone. E tra queste anche la donna accusate della presunta aggressione. Lei dice: «Io non ho aggredito l’autista , gli ho puntato il dito questo è vero. Ma solo perché lui mi ha insultato, ha detto: «Brutta p... scendi. Io non avevo il biglietto e volevo pagare a bordo. Lo denuncio per gli insulti».

Due versioni opposte, quindi, e una situazione da verificare sulla base delle testimonianze (tra italiani e stranieri). Al momento non c’è querela, anche se l’autista si è fatto refertare al pronto soccorso e ora attende l’esito delle indagini e, soprattutto, che vengano visualizzate le immagini delle telecamere installate a bordo del bus. La ricostruzione per ora è quella fatta sulla base delle dichiarazioni di parte. Il gruppo sarebbe salito a bordo senza biglietto, l’autista li avrebbe invitati a scendere perchè tutti sprovvisti di biglietto, spiegando che non può essere più acquistato sul bus. La donna - anche a nome degli altri - avrebbe risposto di voler comunque comprare il biglietto. Una scena, a quanto pare, che si ripete spesso. A quel punto sarebbe cominciato l’alterco e qui le versioni sono differenti.

L’autista da una parte e gli extracomunitari dall’altra. Le indagini vanno avanti, determinanti le registrazioni delle telecamere. (g.b.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes