Woolly e Alci, ecco le pecore adottate

Thiesi: Agrisienda chiede un aiuto a distanza in cambio di prodotti caseari

THIESI. “Adotta una pecora”: un aiuto a distanza in cambio di prodotti caseari freschi o di un agnello è il nuovo progetto avviato nei giorni scorsi dai ragazzi della società Agrisienda di Thiesi. L'Azienda ha già due mascotte: Wooolly e Alci, le prime due pecore adottate. Introdotto nell’isola, in particolare nel nuorese, per far fronte ad una serie di vicissitudini legate all’abbandono delle campagne, al deprezzamento del latte e alla concorrenza estera, l’iniziativa, ora, grazie al progetto realizzato dalla neo costituita Società, è giunta nel cuore del Meilogu a Thiesi, precisamente nella tenuta “Sa Tanca de Santu Ainzu. «Siamo consci del particolare momento causato della pandemia. Quest'ultima ha influito pesantemente su molte delle nostre attività già avviate. Ma d’altronde è dalle grandi crisi che nascono grandi opportunità». A parlare, a nome dei cinque componenti della neonata Società Agricola, è la rappresentante legale Alba Masia che spiega: «Agrisiendas nasce dalla Cooperativa Siendas con l’obiettivo di gestire la tenuta Sa Tanca de Santu Ainzu e l’agriturismo al suo interno. Per partire abbiamo bisogno di acquistare i primi capi di bestiame ed è per questo che abbiamo pensato di lanciare la nuova campagna: “Adotta una pecora”». Si tratta, come spiegano i soci, di una nuova iniziativa che va ad aggiungersi alle altre già avviate dalla cooperativa. «Dal 2017 svolgiamo all’interno della tenuta la maggior parte delle nostre attività come: laboratori di cucina tradizionale, laboratori didattici, viaggi di istruzione, ma in questi anni il legame con questo posto meraviglioso a due passi da Thiesi si è consolidato e ci ha portato alla decisione di gestirlo interamente e valorizzarlo in ogni suo aspetto». Con la realizzazione di questo nuovo progetto gli associati puntano ad ampliare le prospettive presenti e future. «In un periodo in cui si vanno perdendo molti aspetti della vita tradizionale dei centri rurali, l’esigenza è quella di riprendere in mano una parte di quell’immenso patrimonio da conoscenze delle tradizioni culinarie legate alla stagionalità e di riavviare il processo di trasmissione e “Adotta una pecora” si coniuga perfettamente con queste prospettive». I genitori adottivi potranno scegliere il nome da dare alla pecora e, per il primo anno di vita, decideranno se ricevere solo il formaggio o anche un agnello, rigorosamente made in Sa Tanca. «L'adozione è semplicissima basta compilare un modulo di adesione che viene rilasciato su richiesta all'indirizzo email: agrisiendas@gmail.com». Gli adottanti potranno adottare e seguire il percorso di vita dell’animale attraverso video e foto, oppure trascorrere una giornata all’interno dell’azienda.

Al termine del primo anno di vita della pecora potranno scegliere di ricevere: con 120 euro un agnello, una forma di formaggio, una ricotta fresca, una mustia; con 80 euro: due forme di formaggio, due ricotte fresche, due ricotte mustie; con 90 euro chi vive fuori dalla Sardegna o non ha la possibilità di raggiungere l’azienda può ricevere a casa tre forme di formaggi. In casa Agrisiendas ci saranno presto altre novità che, per ora, i responsabili non svelano.

Daniela Deriu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes