A Tula si inaugura la Casa dell’acqua

Una colonnina in corso Repubblica permetterà alle famiglie di rifornirsi gratis

TULA. La vocazione verso la difesa dell’ambiente e il tentativo di diventare totalmente “green” per Tula sono diventati da un po’ di anni a questa parte le spinte propulsive dell’azione amministrativa comunale e un ulteriore passo in avanti è stato fatto nei giorni scorsi con l’installazione della “casa dell’acqua”. Si tratta di una colonnina multifunzione, posizionata sul marciapiede antistante la casa comunale, nel corso Repubblica riqualificato di recente con piantumazione di nuovi alberi e rifacimento dei marciapiedi. Permetterà alla popolazione di rifornirsi gratuitamente d’acqua potabile, sia frizzante che naturale, per un totale di sei litri giornalieri.

L’investimento totale dell’operazione è di quasi 19mila euro e i benefici si vedranno nel medio e lungo termine, poiché se l’uso corretto del distributore dovesse diventare parte quotidiana della vita comunitaria, ci sarà un abbattimento notevole dei rifiuti di plastica con conseguente risparmio nella gestione di smaltimento di questa frazione. «È un progetto nato circa due anni fa e che siamo riusciti a realizzare intercettando anche le richieste dei nostri concittadini – spega l’assessora all’ambiente Bianca Serusi -. Tra le proposte pervenuteci nell’ambito del bilancio partecipato, infatti, c’era anche questa, segno evidente di una sovrapposizione di idee tra amministratori e cittadini. Ci sarebbe piaciuto inaugurare la casa dell’acqua magari nel corso di una giornata dedicata alla cura dell’ambiente in concerto con le scuole ma l’emergenza sanitaria per ora non ce lo permette».

Una tessera per famiglia o due nel caso di nuclei particolarmente numerosi, garantirà il prelievo giornaliero dei sei litri ma al costo di dieci centesimi a litro, l’acqua potrà essere prelevata da chiunque anche non residente. Diversi filtri potabilizzanti e una manutenzione regolare che potrà essere effettuata anche da remoto garantirà sicurezza costante della qualità dell’acqua. Con un altro investimento da ventiseimilacinquecento euro, poi, è stata acquistata una macchina spazzatrice che è già entrata in funzione e faciliterà il lavoro degli operatori ecologici per rendere le vie del paese più pulite e decorose. La macchina potrà asportare anche le erbacce dai bordi dei marciapiedi e dal bordo strada ed inoltre è dotata anche di una lancia che con detergenti adatti, permetterà la sanificazione di ambienti esterni e si potrà affiancare ai mezzi già in dotazione alla protezione civile.

Francesco Squintu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes